Apocalisse con figure

Bion, la sua “testimonianza cieca” e l’abisso evocato in APOCALISSE CON FIGURE

apocalisseconfigurelulu.jpgSalvatore Agresta è un illuminato psicoterapeuta di cui ho pubblicato un fondamentale intervento, La psiche, il trauma e l’umano: il trauma è l’umano – un microsaggio che vale da solo a indicare la condizione dell’umano incarnato a cui guardo, all’empatia nella sua sorgività, nella sua scaturigine. Il merito di Agresta è trascinare il discorso al di fuori della letteratura tramite i magnetismi di cui la letteratura è fatta, che sono di natura sì psichica, ma anche metapsichica: una Cosa (per rievocare Lacan) che sta oltre i linguaggi, cioè oltre le possibilità di simbolizzazione e di conclusione, e che, definitivamente, ha i connotati aperti e non conchiudibili del “senso” (quali limiti possiamo conferire al “senso di vivere”, cioè al “sentimento che ci siamo, nudamente” e al “significato del nostro destino”?).
A proposito dell’intervento sulla testimonianza cieca evocata in APOCALISSE CON FIGURE, dove mi appoggio a Blanchot e Kafka, Salvatore Agresta mi invia un commento, individuando un parallelo con Bion, il grande teorico del superamento dell’analisi tramite l’analisi. Questo parallelo regge fisiologicamente, ma va discusso…

Ecco, dunque, il passo di Wilfred Bion che Agresta mi segnala nella sua mail, al solito suggestiva e precisa:

A proposito della “testimonianza cieca”, sono andato a riprendere un passo di Bion (da Addomesticare i pensieri selvaggi, pag.45) che trovo collegabile a quanto tu proponi. Si tratta di una descrizione dello stato psichico del feto o del neonato, stato psichico di cui conserviamo memoria indelebile continuamente riprodotta (continuamente produciamo inconscio), in un costante rumore di fondo dell’attività psichica.

Il feto “non ha modi adeguati di comunicazione e di espressione e per molti versi non ha granché da comunicare. Suppongo che il neonato potrebbe voler comunicare che è solo o che ha fame. E io, in questo peculiare modo in cui mi ritrovo ora, ho bisogno sia di nutrimento sia di qualcuno con cui comunicare, non perché abbia un sacco di cose da dire, ma perché mi ritrovo in uno stato mentale che mi è spiacevolmente familiare: in cui tutto quello che posso dire è di essere abissalmente – in senso letterale e metaforico – ignorante. Questo è uno dei motivi per cui ho una qualche urgenza di essere in grado di trovare una qualche rete in cui catturare qualsiasi pensiero disponibile”.

E’ proprio l’interpretazione di Agresta a colpirmi, più che il passo di Bion, su cui, qui sotto, appunto alcune osservazioni critiche. Il rumore di fondo dell’attività psichica viene da me reinterpretato come il suono delocalizzato, il suono della démi-voix che Deleuze intercetta in Kafka nel saggio suo e di Guattari sullo scrittore praghese (Kafka – Pour une littérature mineure – Editions de Minuit). Questo suono senza suono è la metafisica tutta, in espressione che sorpassa il testo ma si manifesta come sintomo del testo, che viene sottesa ad APOCALISSE CON FIGURE: un’unica nota mentale, che io convoco come “silenzio” intorno a una “parola insufficiente”. Il “silenzio” non è mai un non-essere, così come il vuoto non è un non-essere: è il “segno” della compossibilità totale da cui possono emergere i linguaggi e, al tempo stesso, la fine della comunità umana nella sua irrappresentabilità, che è l’oggetto dell’installazione testuale: cioè il confinamento e lo sterminio di milioni di persone, di ebrei schiacciati da un Male che sa di fare il male. Qui si deve a mio avviso fermare il linguaggio, cioè la finzione e la fantasia, qui non è possibile scrivere, poiché scrivere è sempre per finta – qui è il momento che il testo mostri la sua origine silenziosa e la sua fase terminale, che è ancora il “silenzio”. Qui l’umano sopravvive. Qui accade la Cosa: la sopravvivenza. Questo suono è uno sfondo, una nota mentale unica, il suono dei suoni per come noi, a questo livello in cui siamo, nello spazio e nel tempo, possiamo fare sorgere come irriducibilità dell’umano stesso, impossibilità di sopprimerlo.
Un passo successivo al silenzio è ciò che è il fondamento visibile della comunità emerge anch’esso. Bion formula questo passo con una supposizione: “Suppongo che il neonato potrebbe voler comunicare che è solo o che ha fame”. Questa supposizione getta il discorso di Bon in due direzioni: una, riduzionistica, per cui l’individuo, seppure in stato di sonno prenatale, è determinato da un’attività cerebrale che è portatrice di significati interazionali; l’altra, innatista, che prevede che l’organizzazione cerebrale dell’umano è predisposta fin dalla nascita all’espressione delle esigenze fondamentali per la sopravvivenza, e cioè l’intersoggettività è significativamente (il che presuppone autoconsapevolezza) preacquisita.
Nell’ipotesi bioniana, e non a caso, il muro che fa rimbalzare verso l’ipotesi è la paura del non sapere (lo stato di “non so” coincide con il “suono senza suono”): “Io, in questo peculiare modo in cui mi ritrovo ora, ho bisogno sia di nutrimento sia di qualcuno con cui comunicare, non perché abbia un sacco di cose da dire, ma perché mi ritrovo in uno stato mentale che mi è spiacevolmente familiare: in cui tutto quello che posso dire è di essere abissalmente – in senso letterale e metaforico – ignorante“. E’, va da sé, una prospettiva. L’altra prospettiva, che a me interessa, è che lo stato di non sapere, e cioè quello che Bion denota come “ignoranza”, non sia affatto spiacevole, sebbene sia familiare (diciamo “abitudinario” per sorgività: io mi incarno in quello stato, non ho esperienza se non riflessa e, soprattutto, non sono giunto alla mielinizzazione che mi consente la memoria, cioè la possibilità di esperienza per come la intendiamo comunemente. Sorgo nel non sapere che non è né piacere né dolore, sorgo senza parola e senza messaggio da comunicare, e soltanto l’impatto con la realtà configura in me bisogni, per cui, dal non sapere, esco con forme di richiesta, che si trasformano in esigenze comunitarie, in interazione che è da reclamare, poiché non è più naturalmente data come lo era nel momento in cui la mia interazione era l’amnio uterino in cui stavo. Che questi meccanismi siano innati come predisposizione riflessa non mi interessa, evidentemente: mi interessa la sostanza di cui sono fatti questi meccanismi innati, e l’ipotesi è che siano fatti di coscienza non autoconsapevole, cioè di silenzio che io non so di non sapere. La nota di fondo del testo, al contrario ma in continuità con questo stato estremo prenatale, è coscienza vuota in autoconsapevolezza (cioè: so di non sapere) – ma, su ciò, non si può dire molto, è il caso che l’epistemologia avanzi per fornire statuti che qui in occidente sono la patente per potere affermare una simile ipotesi.
A questa obiezione centrata su Bion, Salvatore Agresta mi ha risposto. E la sua risposta mi colloca: io scrivo esattamente con la postura che il mio fraterno interlocutore descrive in questa mail, che sono costretto a riprodurre, perché dice più precisamente e sinteticamente di quanto mai io possa fare:
Perfettamente d’accordo con la tua obiezione all’ “innatismo interazionale”, anche se l’ultimo Bion (quello di Memoria del futuro) lo aveva capito. E’ la stessa critica mossa ad esempio (ti cito a caso l’ultimo libro acquistato ieri) da Roberto Esposito al concetto di “persona” nel suo Terza persona (Einaudi), una critica alla “prevalenza presupposta del personale sull’impersonale”. Mi pare significativa quest’abbondanza di “convergenze parallele”, che da àmbiti assai differenti vanno su un unico punto: la necessità di sottrarsi a dispositivi escludenti (“psiche”, “persona”, “letteratura”…) per andare (ritornare) all’originaria unità dell’UMANO. Mi pare un segno dei tempi.
C’è molto da lavorare..

Medium

Alcune riflessioni su MEDIUM, grazie al Lettore Privilegiato

mediumggcom.jpgIl sito di MEDIUM
Acquista MEDIUM in forma cartacea a € 9.19 (più spese postali di € 4.98) presso Lulu.com (l’autore non guadagna un centesimo né dalla vendita del libro né dalle spese)
Scarica gratis l’intero testo di MEDIUM in Word con ipertestualizzazione
Scarica MEDIUM integrale in pdf
Tutti i capitoli di MEDIUM on line e ipertestualizzati su questo sito
L’indice di tutto MEDIUM pubblicato su questo sito

Ricevo alcuni sms da un Lettore Privilegiato di MEDIUM che, tra miliardi di impegni, mi ha fatto l’onore di infilarne la lettura, portandola a termine. Si tratta di un Lettore Privilegiato per diversi motivi, e anche perché almeno uno dei punti di fuga del libro, quando la cronaca storica (per quanto deviante nelle considerazioni e nei rimuginamenti) si fa allegoria, mi ha suggestionato, mesmerizzandomi attraverso un’immagine random che ha un peso notevole nello spostare il lutto verso il metabolismo praticato attraverso l’immaginario. Ecco il primo sms significativo: “Appena finito MEDIUM. Lo hai stantuffato di metri epici. Infatti è una Telemachia”.

Continue reading “Alcune riflessioni su MEDIUM, grazie al Lettore Privilegiato”

Apocalisse con figure

APOCALISSE CON FIGURE: versione cartacea acquistabile

apocalisseconfigurelulu.jpgGrazie all’eccelso servizio di print on demand di Lulu.com, come già accaduto con MEDIUM, metto a disposizione la versione cartacea di APOCALISSE CON FIGURE: basta cliccare qui e si accede alla pagina per l’acquisto. Il libro conta 100 pagine: oltre al testo dell’installazione, la cui versione è più estesa di quella che apparirà ai 4/5 del romanzo mondadoriano in uscita il gennaio 2008, sono presenti contributi teorici e brani da autori che evidenziano la poetica di questo progetto, il quale, per me autore e solo per me, è il più importante a cui abbia mai messo mano. Il costo copre le spese di stampa (€5.85) e di spedizione (€1.99), senza alcun guadagno da parte mia. Il formato è tascabile. A questo punto, l’opera si stratifica su diversi livelli:
L’edizione cartacea (€7.84)
L’edizione in pdf downloadabile gratis
L’edizione on line ipertestualizzata
Gli mp3 della performance vocale su frammenti dall’installazione
Spero che i lettori accedano ad almeno uno di questi livelli: coloro che lo fanno, ottengono da parte mia il più accorato ringraziamento, data l’importanza che il testo riveste per me.

Apocalisse con figure

APOCALISSE CON FIGURE: download del pdf che sarà stampato

apocalisseconfigurecover.jpgMetto qui a disposizione il testo, in formato pdf, che è depositato presso Lulu.com e che presto sarà reso disponibile in cartaceo, acquistabile al prezzo di stampa e spedizione. Poiché il formato scelto (che si differenzia rispetto al pdf in dimensioni), non consentiva l’edizione di 35 pagine, a cui ammonta la nuda installazione, ho aggiunto materiali teorici desunti dall’officina che è andata costruendosi intorno al romanzo, e che sono lievemente modificati da alcuni inserti inediti. Il numero di pagine minimo per la pubblicazione nel formato tascabile è 100 e tale numero è stato raggiunto.
Basta cliccare su icona e titolo qui sotto, per ottenere la versione digitale del libro.
pdficoacrobat.gif APOCALISSE CON FIGURE (1941-1945) + CONTRIBUTI TEORICIversione definitiva

Apocalisse con figure

La “testimonianza cieca” in APOCALISSE CON FIGURE: Blanchot e Kafka

apocalisseconfigurecover.jpgLa performance a Officina Italia ha messo in luce alcuni frammenti per me significativi di APOCALISSE CON FIGURE. Questa installazione, che come ho già asserito costituisce un kaddish letterario impossibile per gli sterminati della Shoah, è una bolla che si apre a 4/5 del romanzo in uscita a gennaio 2008 per i tipi Mondadori. Essa non ha nulla a che vedere, in termini di retorica e struttura, con i capitoli, lineari e narrativi, che la precedono e la seguono. Nasce come bolla e nera e bianca (come la sua copertina: presto sarà messa a disposizione la versione integrale su Lulu, come MEDIUM, per chi volesse averne un esemplare) ed è tale perché in quel preciso punto io tocco ciò che per me non è più finzionalmente rappresentabile, non è più visibile con gli occhi della fiction – è un’eccedenza e richiede una retorica dell’eccedenza, o, come asserisco letteralmente nel passaggio più importante (solo per i termini di poetica) di questa installazione, va formulata una “Istruzione per tutti gli scrittori: sia ammainata la finzione, la fantasia, oltre la linea che divide il territorio dal campo di sterminio. Chi non compie quest’opera di testimonianza cieca è osceno. Maledizione su di lui.”.
x2.jpgNon la “visione”, che sarebbe oscenità, a fronte di un’eccezione all’umano che introduce il disumano nel comparto della specie – bensì la “testimonianza cieca”. Che cosa significa? Cos’è la “testimonianza cieca”? Per evitare fraintendimenti di sorta e per allargare il discorso all’intera poetica del romanzo, mi appoggio a Blanchot e a Kafka, al testo fondamentale Da Kafka a Kafka (in Italia, ovviamente, irrecuperabile perché messo fuori catalogo): è il preciso movimento di poetica che nelle intenzioni (gli esiti saranno poi tutti da giudicare) ho tentato in tutto il libro e ha il suo apice proprio in APOCALISSE CON FIGURE.

Continue reading “La “testimonianza cieca” in APOCALISSE CON FIGURE: Blanchot e Kafka”

Medium

Ipertestualizzazione e autocommento in MEDIUM on line

mediumggcom.jpgIl sito di MEDIUM
Acquista MEDIUM in forma cartacea a € 9.19 (più spese postali di € 4.98) presso Lulu.com (l’autore non guadagna un centesimo né dalla vendita del libro né dalle spese)
Scarica gratis l’intero testo di MEDIUM in Word con ipertestualizzazione
Scarica MEDIUM integrale in pdf
Tutti i capitoli di MEDIUM on line e ipertestualizzati su questo sito
L’indice di tutto MEDIUM pubblicato su questo sito

Non si può teorizzare: parlo di un’esperienza personale. L’ipertestualizzazione di MEDIUM si è rivelata per me, oltre che un’effettiva fatica, un’esperienza esaltante, per dare torsione teorica ed emotiva a un testo che, pur essendo un romanzo, lineare più di quanto mai io abbia scritto, ha sue derive sotterranee ed è carico di un’intimità che viene allo scoperto non come elaborazione del lutto, bensì come donazione di un’esperienza possibile di superare il trauma, attraverso l’immaginario, attraverso il movimento del pensiero e la centralizzazione in qualcosa che, pur essendo costitutivo dell’umano, pensiero non è e nemmeno emozione.

Continue reading “Ipertestualizzazione e autocommento in MEDIUM on line”

Apocalisse con figure

APOCALISSE CON FIGURE: ultima parte dell’mp3

apocalisseconfigurecover.jpgDopo il primo e il secondo segmento, metto qui a disposizione l’ultima parte della performance vocale effettuata su frammenti dal testo di APOCALISSE CON FIGURE, l’installazione che è un kaddish per la memoria delle vittime dell’Olocausto, che ho letto a OFFICINA ITALIA. La lettura rispetta precisamente i frammenti di testo letti alla Palazzina Liberty, ma questi sono stati registrati a parte e distorti in alcune componenti, con l’inserto di alcuni brevissimi interludi musicali, che in questo ultimo segmento sono tratti da Philip Glass (da Plutonian Ode).
Si consiglia di downloadare il file disponendo di adsl o fibra ottica: il suo peso è 10.7M.

» PERFORMANCE AUDIO DA APOCALISSE CON FIGURE: 3° segmento [10.7MB]

» Per leggere il testo eseguito, clicca qui

***

» PERFORMANCE AUDIO DA APOCALISSE CON FIGURE: 2° segmento [7.2MB]

» Per leggere il testo eseguito, clicca qui

***

» PERFORMANCE AUDIO DA APOCALISSE CON FIGURE: 1° segmento [7.0MB]

» Per leggere il testo eseguito, clicca qui