blog

May 31, 2015 at 12:16PM

Su Internazionale ho scritto una cosa a cui tengo molto e oggi viene pubblicata: non mi capita spesso di tenerci molto, alle cose che scrivo; a questa, sì. Ci sono le foto di certo dissesto estetico e idorogeologico italiano e io mando a quel paese (il Bel Paese) quei calvinisti angoscianti che ululano #nessunotocchimilano. E’ un gran tempo, questo: secondo me, cinque anni fa non mi avrebbero mai pubblicato questa cosa che ho scritto e che finisce dritta in “Assalto a un tempo devastato e vile” 4.0 (e cinque anni fa me lo pubblicavano un saggio di metafisica come “Io sono”?). Perciò ringrazio Christian Raimo che mi ha chiesto di fare questo e Giovanni de Mauro, che è il direttore di Internazionale, ovvero l’unica rivista che ha senso fare e che infatti viene fatta ed è la più bella in Italia in questi anni.

blog

Cronache da un’Italia che frana – Angelo Antolino

Su Internazionale ho scritto una cosa a cui tengo molto e oggi viene pubblicata: non mi capita spesso di tenerci molto, alle cose che scrivo; a questa, sì. Ci sono le foto di certo dissesto estetico e idorogeologico italiano e io mando a quel paese (il Bel Paese) quei calvinisti angoscianti che ululano #nessunotocchimilano. E’ un gran tempo, questo: secondo me, cinque anni fa non mi avrebbero mai pubblicato questa cosa che ho scritto e che finisce dritta in “Assalto a un tempo devastato e vile” 4.0 (e cinque anni fa me lo pubblicavano un saggio di metafisica come “Io sono”?). Perciò ringrazio Christian Raimo che mi ha chiesto di fare questo e Giovanni de Mauro, che è il direttore di Internazionale, ovvero l’unica rivista che ha senso fare e che infatti viene fatta ed è la più bella in Italia in questi anni.
from Facebook http://bit.ly/1ACAczH

blog

May 30, 2015 at 12:06PM

Oggi su tuttoLibri, settimanale letterario de LaStampa, c’è una più che recensione pazzesca a “Io sono”, firmata da Marco Belpoliti. Inizio a ringraziare qui, perché sono davvero sconcertato e grato per i termini che utilizza l’intellettuale milanese, cui sempre sia gloria per quanto ha fatto nel corso dei miei anni di formazione e oltre.

blog

May 29, 2015 at 10:26PM

Una delle cose più pazzesche a cui mi ha permesso di assistere Marcello Junio Clerici, un artista con canale YouTube che è un capolavoro (sta qui: https://www.youtube.com/user/liberale88).
Qui l’ultimo reperto videofonografico: il futuro presidente INPS, Tito Boeri, fratello di Stefano e figlio di Cini, alle prese con l’autoriduzione del biglietto per il cinematografo, è còlto in tempi non sospetti con parole chiare e veraci.

blog

Autoriduzione

Una delle cose più pazzesche a cui mi ha permesso di assistere Marcello Junio Clerici, un artista con canale YouTube che è un capolavoro (sta qui: https://www.youtube.com/user/liberale88).
Qui l’ultimo reperto videofonografico: il futuro presidente INPS, Tito Boeri, fratello di Stefano e figlio di Cini, alle prese con l’autoriduzione del biglietto per il cinematografo, è còlto in tempi non sospetti con parole chiare e veraci.
from Facebook https://www.youtube.com/watch?v=NCy7xTQK3Yo

blog

May 28, 2015 at 05:47PM

Posso dire cosa penso soltanto: sta per essere aperto uno dei libri fondamentali della mia esistenza, che è la più giovane delle vecchie e la più vecchia delle giovani. E’ il nuovo libro di Milo De Angelis, si intitola “Incontri e agguati”. Esce il primo giorno di giugno, essendo da sempre uscito e uscendo sempre nel futuro. “Nuovi argomenti” ne pubblica un’anticipazione. Sono sette testi che mi fanno capire quanto fosse sbagliata una domanda che una volta qualcuno fece a un poeta e che suonava così: “Non puoi andare oltre quello che hai fatto, dove vuoi andare, ti ripeterai sempre?”. Non è mai stato così e tantomeno per Milo De Angelis. Costui, che nel mio tempo è il massimo poeta scrivente qui ora (qui dove?, ora quando?) dice quanto il tempo era mutato oggi nello ieri del domani e che tu sei quella cosa lì: rammemora trascendendo il ricordo, quindi non abolendo il ricordo. Il ricordo qui vale per tutta la lingua, per tutta la testualità, per tutto il canto, il tempo, l’essere apparsi in questo mondo di veglia.
Leggete queste poesie, leggete questa poesia, leggete questo poeta.