Dagli extra del dvd La donna che amava Hitler (Dolmen): intervista al Miserabile

ladonnacheamavahitler.jpgEsce in homevideo il 15, un giorno prima dell’approdo in libreria del romanzo Hitler, il dvd La donna che amava Hitler, straordinario film documentario di Daniel Costelle e Isabelle Clarke, che ha ottenuto un successo rimarchevole all’estero, e che in Italia è prodotto e distribuito da Dolmen (basta cliccare qui per acquistarlo on line, a 13,41 €). Negli extra del dvd, una lunga intervista al sottoscritto su Le donne di Hitler, di cui un estratto nel video qui sopra.
La donna che amava Hitler presenta molto materiale inedito, desunto dai chilometri di pellicola che Eva Braun impressionò tenendo costamente sotto l’obbiettivo il suo sfuggente amante, quando per esempio si rifugiava al Berghof, la tenuta montana bavarese sopra la quale sorgeva, in piena vetta, l’inquitante creazione di Albert Speer, il cosiddetto Nido d’Aquila.
hitlercovermedia.jpgLa storia di Eva Braun (due suicidi tentati, prima del terzo, fatale, consumato insieme a Hitler, ormai legalmente suo marito, al termine della vicenda del bunker, viene narrata con una impressionante messe aneddottica e una capacità narrativa notevole. A mio avviso, si tratta di un documentario fondamentale, per osservare proprio nel privato la non-persona Hitler, che si muove davanti all’occhio vuoto di una cinepresa e allo sguardo dipendente della sua compagna, pervicacemente occultata alla nazione tedesca. L’intervento del sottoscritto sulle donne che amarono o ebbero rapporti con il Führer, tutte suicide tranne Leni Riefenstahl (che però non ebbe mai relazioni erotiche con Hitler), è coerentemente un apparato e un’estensione del romanzo Hitler, che narra, per ognuna di loro, la trista vicenda delle persone che più intimamente entrarono a contatto con il non-essere e il non-sentire irradiato da Hitler, fino a esserne contaminate, erose, consumate alla morte: dalla nipote Geli Raubal alla poco nota inglesina Unity Mitford, dall’insospettabile Magda Goebbels alla stessa Riefenstahl, fino all’emblematica storia dell’isolamento e della dipendenza a cui accettò di sottoporsi Eva Braun.
Riproduco qui la scheda ufficiale del docufilm:
“Una strana storia d’amore, di desiderio, di disperazione: la relazione tra Adolf Hitler e la sua amante segreta Eva Braun durò dal 1932 al 1945, quando si suicidarono insieme.
Per la prima volta, un documentario straordinario ritrae Hitler nella sua intimità, attraverso gli occhi e l’obiettivo di Eva Braun. Lei stessa girò infatti, dei filmati amatoriali nello chalet del Berghof, nelle Alpi Bavaresi, centro decisionale del Nazismo dove Hitler amava ricevere il suo entourage.
Oltre che dai filmati di Eva Braun, il documentario è composto da foto inedite di Heinrich Hoffmann, fotografo ufficiale di Hitler e del Partito.
Uno sguardo unico sulla vita privata e i crimini pubblici del dittatore tedesco”.

In attesa del romanzo Hitler, “QN” fa il ritratto del Miserabile

hitlercovermedia.jpgCon una foto che dev’essere stata scattata al fine recondito di alzare l’inesistente autostima fisica del sottoscritto, QN (il network di quotidiani che comprende Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno, Il Tempo e Il Secolo XIX) traccia un profilo del Miserabile autore, della sua convulsa gavetta e della sua altrettanto convulsa carriera letteraria. Niente è risparmiato e molto è desunto da quello che io ho scritto, a proposito di “Giuseppe Genna” nei miei libri o, sempre a proposito di “Giuseppe Genna” ho dichiarato in interviste e articoli. Il che aprirebbe una riflessione assai lunga su cosa io abbia scritto o detto di vero, di verisimile o di finzionale a proposito del personaggio “Giuseppe Genna”. Diamo per buona, e in linea con la coerenza di questo personaggio, la versione che l’autore dell’articolo ha desunto circa la mia esistenza e i passaggi della mia formazione. Quanto a ciò che appare come “pubblico” del sottoscritto, è tutto corretto.
Il giornalista, Carlo Donati, non ha ancora letto il romanzo Hitler, ma ha seguito con un’attenzione sconcertante l’officina teorica che si è dispiegata su questo sito nel corso della stesura e delle riflessioni postume sul libro.
hitler_romanzo_qn.jpgVa detto, con sincerità, che vedersi oggettificati in qualche modo (anche con la premessa delle avvertenze, di cui sopra, circa il carattere indecidibile tra vero e falso del personaggio autoriale) in una percezione del proprio percorso esistenziale fa sempre uno strano effetto – di più se il ritratto è fin troppo generoso.
Va da sé che qui si darà conto, per quanto possibile, degli eventuali articoli che accompagneranno l’uscita del romanzo Hitler. Per il momento, non disponendo di file digitale unico del testo dell’intervento uscito su QN, ne offro una lettura in immagine a definizione nitida: basta cliccare l’immagine a destra o il link qui sotto riportato e parte il relativo pop-up.
GENNA E I PICCOLI HITLER D’OCCIDENTE – di Carlo Donati, da QN

Le Lezioni di tenebra che hanno messo in moto il romanzo Hitler

hitlercovermedia.jpgA quando risale l’idea di comporre un impossibile romanzo (ma una possibile narrazione) di cui la non-persona Hitler fosse il centro? Risale a dieci anni orsono, alla lettura di uno dei testi a mia detta più importanti della narrativa italiana contemporanea – Lezioni di tenebra di Helena Janeczek. Il motore è stato quello, è lì che mi è stato messo davanti agli occhi, da Janeczek, un possibile modello di rappresentazione che esulasse dall’estetica e dalla finzione inventiva, per dare corpo narrativo a ciò che non è possibile inventare, che non è possibile riguardare come romanzesco o prosastico, nel senso in cui “la prosa del mondo” è inefficace ad avvicinare il buco nero della Shoah. Sono debitore a Janeczek di dieci anni di meditazione e di ossessione creativa, tenuti a bada attraverso studi e riflessioni su come guardare in faccia letterariamente Hitler. Dal punto di vista della storia e della sociologia della letteratura, Janeczek aprì nel 1997 la possibilità di percorrere una strada che, dieci anni dopo, emerge prepotente e permette di raccontare esulando la radiazione della leggibilità lineare, e cioè della vendibilità di un’opera premasticata da un movimento di autocensura a favore di ciò che non è difficile. Il suo protocollo di rappresentazione è evidentemente, al tempo stesso, un apparente realismo che viene in realtà sfondato. janeczekin.jpgL'”io” autobiografico è talmente psicologizzato da risultare svuotato, esanime, non giudicante. Lezioni di tenebra narra del viaggio che la scrittrice (nella foto a destra) e sua madre, che fu lì deportata, ad Auschwitz – laddove viene rappresentata la scena più impossibile da rappresentare della nostra narrativa contemporanea – l’urlo cieco della madre che consente la condivisione, restaura l’empatia, ricuce la ferita tra umano e umano, risponde all’antimito Hitler annullandolo, arriva infine a permettere il rapporto tra madre e figlia, erede di un orrore che non ha vissuto in prima persona.
Sfortunatamente, o meglio sciaguratamente, Lezioni di tenebra non è più nel catalogo Mondadori. Si spera che si rimedi presto a questa clamorosa svista.
Pubblico di seguito due pezzi sul romanzo di Janeczek, che proprio a dieci anni fa risalgono e che erano già stati ripresi su i Miserabili: una mia recensione e un articolo da L’indice dei Libri.

Continua a leggere “Le Lezioni di tenebra che hanno messo in moto il romanzo Hitler”

La responsabilità di Hitler nel romanzo Hitler

hitlercovermedia.jpgIeri, discutendo con due eccelsi intellettuali, di cui uno ha letto in anteprima Hitler, spiegavo la necessità della disgregazione di ogni mitologizzazione di Hitler, foss’anche quella dell’Invasato dal Male, a favore della piena responsabilizzazione di ciò che Hitler ha compiuto e dell’orrore a cui ha condotto la storia umana. Il fatto che, seguendo la nozione di “non-persona” elaborata da Fest, io sia giunto alla necessità narrativa di fare muovere il personaggio Hitler nella sua bolla vuota e congelata, destava alcune perplessità, che posso comprendere, nel secondo interlocutore, che il libro non l’aveva letto. L’argomento oppostomi è: se Hitler è il non-essere che appare, la deresponsabilizzazione non è ai suoi massimi di intensità? La risposta, a mio avviso, è no: soltanto ravvedendo in Hitler il non-essere, che corrode l’essere e frattura l’empatia che corre tra umano e umano, si giunge alla piena responsabilizzazione di questo carnefice. La sua specificità, se è la specificità del non-essere che appare nell’essere, non è quella del canale attraverso cui una supposta sostanza, che definisco non-essere, scorre e devasta il mondo. Tutt’altro: il non-essere che appare è topico ed è il culmine dell’individuazione. Mi è molto chiaro che queste categorie sono in disarmonia con quelle a cui apparentemente sarebbe abituato l’umanismo occidentale, ma il fatto è che proprio tali categorie sono la premessa a ciò che sto enunciando. Hitler è sempre se stesso e solamente se stesso. Nessuno entra nella sua bolla vuota – ogni empatia è interdetta, nessun affetto penetra il non visibile (ma assai sensibile) diaframma che separa Hitler dagli altri. Ciò è evidente a chi studi qualunque buona biografia hitleriana: da subito, Hitler è un individuo assoluto, che non ammette se non se stesso. Questo “se stesso” non è mai ambiguo: è incerto, è abulico, non sa a volte cosa fare, ma non irradia l’ambiguità umana, la possibilità effettiva di assumere su di sé il peso dei propri errori (nonostante Hitler ripetutamente dica di volerlo fare – ma è pura finzione). In questo senso egli diviene il più responsabile degli individui: poiché è il più individuato, non è umano. Dentro la bolla vuota, atmosfere di paura, panico, delirio si alternano – ma stanno in quella bolla. La condivisione è per Hitler un problema emotivo? No: non prova emozioni. Le emozioni provate (soprattutto per la morte della nipote Geli) sono finte: svaniscono nel giro di quarant’otto ore. La condivisione è per Hitler un problema perfino organizzativo: egli raddoppia le cariche e le competenze nel suo Stato maggiore e nella sua alta burocrazia, appositamente, perché si creino conflitti che soltanto lui può risolvere. Che non esista un ordine scritto firmato da Hitler che dà inizio al sistematico sterminio del popolo ebreo, è sintomatico: la scrittura non esce da quella bolla in cui abita l’apparenza della non-persona, e ciò corrisponde a una sua ossessione che data dagli inizi della sua vita: mai nulla di scritto deve essere lasciato, mai nessuna traccia scritta deve dare conto del non-essere che appare. La sua memorabilità gli pare garantita anche da questo essere individuato al di là di ogni possibilità osmotica e soprattutto da ogni traccia scritta di volontà personale.
Qui si incrociano i due piani del romanzo Hitler: quello storico e quello metafisico. Sul piano della storia, Hitler appare e compie quanto gli storici testimoniano e ricostruiscono; sul piano metafisico, Hitler è il punto terminale del non-essere che deflagra nell’essere. La sua responsabilità è dunque massima sul piano che mi interessa, cioè il metafisico; questione per storici è il consenso e la condivisione degli atti che vengono compiuti in armonia con la responsabilità assoluta e individuale di Hitler. La letteratura non è però sociologia. Io non affronto il problema del consenso, che da Kershaw a Goldhagen ha interpreti vari e discordi. A me interessa la quintessenza della non-persona Hitler: che non è un’essenza. Se scavo, ravvedo il vuoto (di qui l’impossibilità di una letteratura e la scelta di una letteratura: il personaggio che è la non-persona apparsa storicamente non può essere affrontata in termini di romanzo, esorbita e distrugge il romanzo, si autopotenzia nell’invenzione finzionale – Hitler non può essere il personaggio di un romanzo).
Ciò non significa che la responsabilità evapori: al contrario, la responsabilità è al culmine. Lo sterminio è ascrivibile a un massimo di responsabilità: che sta nella bolla vuota di questa non-persona. Lo è metafisicamente e lo è storicamente. Al polo opposto, che è l’umano aggredito, non esiste responsabilità: gli sterminati sono anzitutto privati di ogni responsabilità, si cerca cioè di separarli dall’umano. Il tentativo di Hitler, visto nella prospettiva del non-essere, è annullare, rendere non-essere, coloro che vengono sterminati. Nel sacrificio di queste vittime, che non hanno responsabilità del proprio eccidio, sta tutta la resistenza umana all’avanzamento del non-essere. Ciò determina che queste persone sono, al massimo grado dell’essere. E che, se io sono umano, è grazie a loro. Essi si autoperpetuano nell’essere: non è possibile che accada con la non-persona, a cui va vietata l’autoperpetuazione. La trasmissione del loro essere, in quanto umani alla massima intensità, permette la letteratura che rigetta le premesse dell’umanismo occidentale (e questa letteratura permessa dall’essere delle vittime è ciò che chiamo letteratura) che, rovesciandosi secondo propria coerenza interna, è diventato un antiumanismo – cioè l’impossibilità di porsi la domanda metafisica, di assumersi la responsabilità, di vivere l’ambiguità, di avvertire l’empatia, di stare in comunione con l’altro prima che intervenga l’idea occidentale dell’essere.

Il romanzo Hitler contro l’inganno del segreto di Hitler

hitlercovermedia.jpgHo già affrontato la sgradevolezza (che sul piano etico è ben più che tale) della spiegazione magica ed esoterica con cui si è tentato e si tenta di dare una forma di giustificazione e un rapporto causa-effetto alla sagoma vuota di Hitler. Questo errore fatale, a cui la storiografia hitleriana sembra consegnarsi nella sua quasi totalità, avviene perché la storiografia non intende minimamente accompagnarsi a una visione metastorica della vicenda umana. Così facendo, tratta Hitler come l’umano e tratta l’umano come una variabile determinabile da un complesso sistema di causa-effetto. Il risultato è sempre il medesimo: la necessità di approdare a una spiegazione, quasi che la storia fosse un’equazione e che oltre il segno “=” ci dovesse essere il disvelamento, la verità oggettuale e chiusa che rassicura. Nel caso di Hitler, le cose vanno molto diversamente rispetto alle analisi usuali: qui non si tratta di spiegare Napoleone a Waterloo o la guerra contro gli Imperi Centrali. Ne deriva che la sommatoria di spiegazioni storiografiche, che darebbero conto dell’elemento differenziale che portò Hitler ai vertici dell’orrore, è sbalorditiva. Una simile sommatoria di spiegazioni non è solo immorale, nel suo intento di giustificare ragionevolmente la figura di Hitler e quindi Hitler stesso, ma compie un danno che i cinquant’anni post-bellici hanno scontato e stanno scontando: ciò che resiste a tutte le spiegazioni, ciò che innesca l’interpretazione infinita, ciò che esorbita dalla somma delle prospettive diviene istantaneamente mito – è il mito,anche se si tratta di un antimito. E’ sconcertante che in pochissimi hitlerologi abbia presa l’urlo di Lanzmann, che esige l’impossibilità della categoria di spiegazione, cioè di giustificazione, a proposito di Hitler: ne avverrebbe l’oscena deresponsabilizzazione e, conseguentemente, la mitizzazione.
Addirittura c’è un’intera area interpretativa, all’interno della totalità delle molte prospettive che tentano di spiegare Hitler, e cioè quella psicologica. Essa punta spesso morbosamente sulla morbosità sessuale dell’uomo che diede putrida vita al Terzo Reich. Sullo sfondo, però, c’è una spiegazione che richiama l’inconscio collettivo e che come conseguenza ha che Hitler sarebbe semplicemente un captatore di movimenti tellurici psichici. L’iniziatore di questa fallimentare e dannosa teoria è un testimone d’epoca: Cal Gustav Jung. Si sorvolerà sulle eventuali simpatie naziste del celebre psicanalista: basterà mostrare in che modo avviene la giustificazione (in Jung parla: interviste e incontri, edito da Adelphi):

jung.jpg“Nella società primitiva c’erano due tipi di uomini potenti. Uno era il capovillaggio, fisicamente possente, più forte di tutti i suoi rivali; e l’altro era lo stregone, che non era forte per se stesso, bensì in ragione del potere che il popolo proiettava su di lui… Orbene Mussolini è l’uomo della forza fisica… ha la psicologia del capovillaggio. Alla stessa categoria appartiene Stalin… Stalin è un predatore; non ha fatto altro che prendersi quello che Lenin aveva creato per affondarvi i denti e divorarlo… Hitler è tutt’altra cosa… Non c’è dubbio che Hitler rientri nella categoria dello sciamano… La caratteristica segnatamente mistica di Hitler è ciò che lo spinge a fare cose che a noi sembrano illogiche, inesplicabili, stravaganti e irragionevoli… la svastica è una ruota che forma un vortice ruotante incessantemente verso sinistra: il che nella simbologia buddhista ha un significato appunto sinistro, infausto, diretto verso l’inconscio. E tutti questi simboli di un Terzo Reich guidato dal suo profeta sotto le insegne del vento e della tempesta e del vortice incessante alludono a un movimento di massa che, in un uragano di emotività irrazionale, trascinerà il popolo tedesco sempre più verso un destino che nessuno può predire, tranne il veggente, il profeta, il Führer, e forse neppure lui… Il potere di Hitler non è politico: è magico… Il segreto di Hitler è duplice: primo, in lui l’inconscio ha accesso in maniera eccezionale alla coscienza, e secondo, egli se ne lascia dirigere. Possiamo paragonare Hitler a un uomo che ascolta attentamente il torrente di consigli che gli vengono sussurrati da una fonte misteriosa e che poi li mette in pratica… La sua Voce altro non è che il suo inconscio, sul quale il popolo tedesco ha proiettato il proprio essere: vale a dire, è l’inconscio di settantotto milioni di tedeschi. È questo che lo rende potente. Senza il popolo tedesco, Hitler non sarebbe quello che ora ci appare.”

E’ proprio la distorsione che con il romanzo Hitler ho tentato di frenare grazie alla narrazione: è la narrazione (non il repertorio tradizionale della letteratura) che può fermare il delirio di spiegazione e di giustificazione della non-persona. Essa va fatta agire vuotamente – questo esige l’invenzione di una forma che non sia invenzione finzionale. Conta maggiormente l’irradiazione di vuoto che la sagoma hitleriana emette piuttosto che l’atto che ne è solamente il sintomo.

L’umanismo occidentale come momento sorgivo di Hitler: l’esempio Blanchot

hitlercovermedia.jpgCosa ha fatto, di Hitler, Hitler? Nulla. Non esiste un Hitler. Hitler è sempre stato il medesimo. Uno studio attento delle sue origini e degli episodi, anche i minori, che costellano la sua apparizione è proprio la continuità congelata di un’idiozia che è, in realtà, un’alterità. L’impressione di qualcosa di alieno, che balugina nelle sue pupille e che tanto ha incantato gli hitlerologi, fino a farne una mitologia, non determina affatto l’unicità di Hitler, bensì il suo contrario: la non unicità in quanto non-essente. Non significa, questo, porre Hitler al di fuori del cerchio umano, il che mitologizzerebbe Hitler ulteriormente, molto più di qualunque spiegazione storicistica o psicologica. Il suo non-essere ha la possibilità di imporsi non per la presenza di un contesto tecnologico adatto a un male mai visto prima nella storia, il che non impedirebbe che questo male, per esito tecnologico, si ripetesse. Piuttosto Hitler si impone utilizzando tutta l’ambiguità della cultura nel cui brodo cresce: ignorante, approssimativo, velleitario, Hitler ha comunque a sua disposizione un armamentario che la cultura occidentale mette a disposizione al non-essere che appare. La non-persona parla e legge, usa la persuasione e la retorica, utilizza il linguaggio portando a termine le premesse rovinose della cultura occidentale che, non avendo realizzato il Libro come prassi metafisica, arriva al massimo a intercettare proprio l’ambiguità, l’incrinatura che permette la frattura tra umano e umano.
E’ il caso, per esempio, di Maurice Blanchot. Le sue riflessioni sul Neutro e sull’Altro (in concordanza ma anche in decisiva divergenza con le meditazioni di Lévinas, sulle quali si consiglia di leggere qui e qui), sebbene interpretabili come estremo tentativo filosofico di suturare la ferita tra umano e umano tramite l’intelligenza di ciò che accade grazie alle premesse dell’umanismo occidentale, fallisce nel suo compito, poiché esula completamente dalla pratica interiore che il Libro indica, che le Scritture (e per gli occidentali il Talmud in primis) si sforzano di indicare, venendo ignorate in questo estremo appello, che è qui e ora da realizzare.
Pubblico perciò uno stralcio di un significativo saggio di Augusto Ponzio (Il neutro e la scrittura ante litteram, dalla rivista dell’Associazione Italiana di Studi Semiotici), dove si inscena esattamente questo teatro filosofico, che è totalmente inadatto a rompere la continuità della radiazione extraumana che Hitler imporrebbe e che la storiografia, ma soprattutto la letteratura, ha evitato di spezzare.
Mi scuso con i lettori del sito per questi ultimi interventi, che sono difficoltosi a leggersi: sto tentando di mostrare le origini teoretiche del tentativo di rappresentare la non-persona che ho provato a compiere in Hitler. Il romanzo non ha nulla a che vedere con questa difficoltà teoretica, che è desumibile soltanto a livello critico, ammesso che il tentativo che ho fatto sia anche solo parzialmente riuscito. Ciò che si legge nel romanzo è molto semplicemente e linearmente la vita romanzata di Hitler (cioè una sequenza di scene – o metope – che rappresentano di anno in anno, o con salti temporali, ingrandimenti a grandangolo di ciò che la non-persona fa, non sentendo umanamente): poi ogni lettore trarrà le proprie conclusioni, nel caso avverta che ne valga la pena.

Continua a leggere “L’umanismo occidentale come momento sorgivo di Hitler: l’esempio Blanchot”

Nucleo metafisico del romanzo Hitler

hitlercovermedia.jpgLa metafisica non è la religione. La metafisica è pratica coscienziale, cioè individuale e intima. Essa predispone alla realizzazione interiore individuale di ciò che è stabile a fronte dell’identificazione attuale nel divenire. Questo divenire in cui siamo immersi si presenta come essere a bassa intensità: il divenire è, ma è percepito diverso dall’essere. Questa percezione è tale, è diversa dalla percezione dell’essere: è allucinatoria. Ciò non significa che non sia reale – è reale nella prospettiva della percezione. Il divenire è transeunte: ciò esige che si abbia percezione di qualcosa che non è transeunte. Che cosa nella vita è stabile, non transeunte? Non c’è risposta mentale o linguistica a questa domanda: c’è la domanda da porsi.
Quanto qui detto si lega alla desunzione dell’oltrepassamento dell’essere cristallizzato che Emmanuel Lévinas dichiara non solo nei suoi scritti, ma esplicitamente nell’intervista qui pubblicata. E’ il legame con il Talmud a permettere una simile concezione – tutta da realizzare, e non intellettualmente – di qualcosa che preceda l’idea dell’essere? Questa considerazione ha a che fare con il romanzo Hitler: laddove, partendo dalla nozione di “non-persona” formulata da Joachim Fest, giungo narrativamente a fare muovere nell’apparenza il non-essere, a definire Hitler come sagoma terminale del non-essere che l’occidente ha fatto penetrare nell’essere. Ci sarebbe da chiedersi perché, storicamente, Hitler appaia in occidente e non in oriente. A nulla varrebbe la spiegazione storicistica che solo in occidente ciò che ha compiuto Hitler era tecnicamente possibile. Non varrebbe a nulla perché la tesi da cui si parte è proprio che l’occidente stesso è Hitler, senza che che a Hitler sia sottratto un grammo di responsabilità: l’occidente che non ha compreso il Libro, che non lo ha praticato metafisicamente, che ha separato la realizzazione della domanda priva di risposta dall’umano. E’ una denuncia che, dalle parole di Lévinas andrebbe esplicitata ed estesa. E che è in armonia con quanto i rishi orientali dichiarano circa il fenomeno detto “Maya”: gli occidentali pensano che si alluda a un’illusione, al mondo come illusione. Mentre non è così: si sta dicendo che l’identificazione con la percezione porta ad assolutizzare qualcosa che è relativo, ed è proprio in questo modo che nell’essere penetra il non-essere e corrode l’essere stesso. E’ ciò che, se si studia la vita di Hitler (letteralmente da idiota, tranne che in un decennio: non c’è la banalità del male, quanto a Hitler stesso, ma l’idiozia del male), ci si accorge che viene compiuto.
Si consideri perciò la seguente meditazione orientale, che corrisponde alla meditazione talmudica – è ciò che ha permesso al volto di Hitler di mostrarsi e di tentare di autoperpetrarsi al di là della morte fisica, in ciò che rimane dopo la sua opera di dissoluzione, e a cui bisogna opporsi per non garantire la vittoria postuma a Hitler medesimo (che corrisponde al noto comandamento di Fackenheim):
“I quattro elementi sottili della consapevolezza, cioè Manas (la mente), Buddhi (l’intelletto), Chittha (la volontà) e Ahamkara (il senso dell'”io”) sono tutti Maya (movimento conformato, a cui si aderisce percettivamente). Che cos’è Maya? Maa (non) ya (esiste). Ciò che non esiste ma appare esistente è Maya; essa fa sembrare reale l’irreale ed il reale irreale. Un altro suo nome è Ajnana (ignoranza), che è ciò che nasconde la realtà, fa considerare esistente il non esistente, fa apparire vero il falso. Se vi muovete verso la luce, la vostra ombra cade dietro di voi ma, quando ve ne allontanate, dovete seguire la vostra stessa ombra. Andate in ogni istante un passo più vicini alla luce e quindi Maya, l’ombra, cadrà dietro di voi e non vi ingannerà.”