Burroughs: Parole di Hassan Sabbah

Da Londra, il 21 luglio 1960, William Seward Burroughs invia ad Allen Ginsberg una delle lettere finali che comporranno il carteggio “dallo Yage”, probabilmente la più alta e incompresa manifestazione della consapevolezza che sfonda la letteratura nel Ventesimo Secolo Occidentale. E’ un tempo che Burroughs definisce, nella intestazione della missiva, “Present Time Pre-Sent Time”.
Si tratta di un’apparizione sconvolgente. Il leader della Setta degli Assassini viene ricollocato in un cerchio che, via via, non essendo quello storico, si andrà definendo addirittura attraverso le parole del grande esoterista e satanista Aleister Crowley. In seguito Burroughs avrà infatti a riprendere la sconcertante figura di Hassan Sabbath, facendone una bambolina voodoo che si presta alla voce medianica di un esasperante ventriloquo: e cioè Burroughs stesso. Disponiamo della registrazione di questo messaggio radio, che ci fa sembrare vivi tutti, Burroughs Hassan Sabbah Paul Getty: è stato depositato in un nastro e fa parte di un digfesto universale, di una radio dei morti che l’autore americano intuì essere la sostanza quintessenziata della letteratura stessa.
Siamo dunque di fronte a un fantasma: a Il Fantasma.
Ecco dunque la lettera a Ginsberg dallo Yage, ecco un video sperimentale burroughsiano con la registrazione audio della lettura burroughsiana di rinnovate ultime parole dello Hassan Sabbah burroughsiano (sotto il video, la trascrizione – bisogna guardare il video e poi ricaricarlo per leggere il testo, c’è da fare fatica, non si comprende nulla, non si capisce perché, il perché…) e infine una banale ripresa della meno banale voce Wikipedia sulla per nulla banale incarnazione storica di Hassan Sabbah esistito in forma carnale soltanto?, per uno speciale che non è riguardante più Burroughs che Hassan Sabbah o lo stesso Fantasma.

Ultime parole di Hassan Sabbah

di WILLIAM S. BURROUGHS | da Lettere dallo Yage, di W.S. Burroughs e A. Ginsberg

QUALSIASI MONDO ASCOLTATE LE MIE ULTIME PAROLE. ASCOLTATE TUTTI VOI CONSIGLI DIRETTIVI SINDACATI GOVERNI DELLA TERRA. E VOI POTENZE DI POTERE DIETRO QUELLE LURIDE TRATTATIVE FATTE IN QUELLE LATRINE ALLO SCOPO DI IMPADRONIRVI DI CIO’ CHE NON VI APPARTIENE. PER VENDERE IL TERRENO DI SOTTO I PIEDI NON NATI. ASCOLTATE. CIO’ CHE HO DA DIRE VALE PER TUTTI GLI UOMINI IN QUALSIASI LUOGO. RIPETO PER TUTTI NESSUNO ESCLUSO. GRATIS PER TUTTI COLORO CHE PAGANO. GRATIS PER TUTTI COLORO CHE PAGANO IN DOLORE. CHE COSA VI HA TANTO SPAVENTATO TUTTI DA FARVI ENTRARE NEL TEMPO? CHE COSA VI HANNO TANTO SPAVENTATO TUTTI DA FARVI ENTRARE NEI VOSTRI CORPI? PER SEMPRE NELLA MERDA? VOLETE RESTARCI PER SEMPRE? ALLORA ASCOLTATE LE ULTIME PAROLE DI HASSAN SABBAH. ASCOLTATE GUARDATE O CAGATE PER SEMPRE. CHE COSA VI HA TANTO SPAVENTATO DA FARVI ENTRARE NEL TEMPO? NEL CORPO? NELLA MERDA? VE LO DIRO’ IO. LA PAROLA. LA PAROLA IL-TU. IN PRINCIPIO ERA LA PAROLA. VI HA SPAVENTATO TUTTI NELLA MERDA PER SEMPRE. USCITENE FUORI PER SEMPRE. USCITE PER SEMPRE FUORI DALLA PAROLA TEMPORALE IL. USCITE PER SEMPRE DALLA PAROLA CORPOREA TU. USCITE PER SEMPRE DALLA PAROLA MERDOSA IL. TUTTI FUORI DAL TEMPO E NELLO SPAZIO. PER SEMPRE. NON C’E’ NIENTE DA TEMERE NELLO SPAZIO.
QUESTO E’ TUTTO TUTTO TUTTO HASSAN SABBAH. NON C’E’ NESSUNA PAROLA DA TEMERE. NON C’E’ NESSUNA PAROLA. QUESTO E’ TUTTO TUTTO TUTTO HASSAN SABBAH. SE VOI IO CANCELLIAMO TUTTE LE VOSTRE PAROLE PER SEMPRE. E LE PAROLE DI HASSAN IO PURE CANCELLO. ATTRAVERSO TUTTI I VOSTRI CIELI GUARDATE LA SCRITTURA SILENZIOSA DI BRION GYSIN HASSAN SABBAH. LA SCRITTURA DELLO SPAZIO. LA SCRITTURA DEL SILENZIO. GUARDATE GUARDATE GUARDATE

***

Altre ultime parole di Hassan Sabbah

Il filmato è un cut-up burroughsiano. Agli appassionati, si consiglia vivamente di guardarlo. Quindi, poiché non si capisce niente delle parole impastate di WSB, si deve ricaricare il video e ascoltare leggendo la trascrizione in calce, testo non più delirante di quanto possa apparire la trascrizione di un dialogo a due in un bar quualunque di qualunque tempo in qualunque luogo nel regno umano su questo pianeta.

Trascrizione delle altre ultime parole pronunciate da Wlliam Lee Burroughs in nome di Hassan Sabbah:

Oiga amigos! Oiga amigos! Paco! Enrique!
The last words of Hassan Sabbah,
the Old Man of the Mountain!
Listen to my last words, anywhere!
Listen all you boards, governments, syndicates, nations of the world,
and you, powers behind what filth deals,
consummated in what lavatory,
to take what is not yours,
to sell out your sons forever!
To sell the ground from unborn feet for ever, for eve – r!
Listen to my last words any world!
Listen if you value the bodies
for which you would sell all souls forever!
I bear no sick words junk words love words forgive words from Jesus.
I have not come to explain or tidy up.
What am I doing over here,
with the workers, the gooks, the apes, the dogs,
the errand boys, the human animals?
Why don’t I come over with the board
and drink coca-cola and make it?
“Now for Godsakes, don’t let that Coca-Cola thing out!”
Thing is right, Mr Whoever is responsible for that who-done-it!
Explain how the blood and bones and brains of a hundred million
more or less gooks went down the drain in green piss
so you on the boards could use bodies, and minds,
and souls that were not yours, are not yours, and never will be yours.
You want Hassan Sabbah to explain that? To tidy that up?
You have the wrong name and the wrong number,
Mr Luce Getty Lee Rockefeller!
“Don’t let them see us, don’t tell them what we are doing!”
Are these the words of the all powerful boards
and syndicates of the earth?
“Don’t let them see us, don’t tell them what we are doing!
Not the cancer deal with the Venusians, not the green deal!
Don’t let that out!
Disaster, unevaluable disaster!
Don’t show them that!
These things take time and that’s my business.”
As usual, Mr Luce! Short time to go. Minutes to go!
Blue heavy metal people.
“Don’t let that out!
Don’t show them the blues!”
Are these the words of the all powerful boards
and syndicates of the earth?
“And don’t whatever you do let them see us.”
Crab men! Tape worms! Intestinal parasites!
Squeezing the air, eat it, and shit it out, and eat it again, forever!
“Don’t let them see us! Don’t tell them what we are doing!
Disas – pay!”
Are these the words of the all powerful boards, syndicates,
cartels of the earth?
the great banking families of the world,
French, English, American?
like Burroughs, that proud American name?
Proud of what, exactly? Would you all like to see exactly what
Burroughs has to be proud of?
The Mayan caper, the centipede hype,
the short time racket, the heavy metal gimmick?
All right, Mister Burroughs, who bears my name and my words,
bear it all the way, for all to see, in Times Square, in Piccadilly.
Play it all, play it all, play it all back!
Pay it all, pay it all, pay it all back!
Listen : the word comes before English American German French,
the jaded minds are arsenic for all,
now the bones went – use never you have light.
All of you, all, all, all, green people, crab people,
blue heavy metal people,
compliments of Mister Burroughs for the heavy metal gimmick.
“Don’t let them see us! Don’t tell them what we are doing!
Premature! Premature! Reconversion, reconversion blues … “
Shall I show them the blues?
“No! No! No!
Premature! Premature! Premature!”
Are these the words of the all powerful boards
and syndicates of the earth?
I say to all : these words are not premature.
These words may be too late.
Minutes to go. Minutes to go. Minutes to goo. Minutes to green goo.
What I have to say is everywhere now.
Rub out the word Jew, and you rub out the word Hitler.
The answer comes before the question.
My words are for all – for all,
I repeat for all!
No one is excluded!
Free to all who pay, free to all who pain pay, for all to see,
for all to see!
In Piccadilly, in Times Square, Place de la Concorde,
in all the streets and plazas of the world!
Pay, pay, pay!
Play it all, play it all, play it all back!
Pay it all, pay it all, pay it all back!
See my writing the silent – across all your skies,
the silent writing of Brion Gysin – Hassan Sabbah.
All out of time! All into space! Forever!
Take what is not yours to skies squeezing the eye bodies forever
All out of time! All into space! Forever!
You cannot take words into space.
That is all, all, all, Hassan Sabbah.
You cannot take woman into space.
I repeat, you cannot take woman into space.
That is all, all, all, Hassan Sabbah.
See my writing the silent – across all your skies,
the silent writing of Brion Gysin – Hassan Sabbah,
the silent writing of space, the writing of Hassan Sabbah.
Look! Look! Look!
“Don’t let them see us! Don’t tell them what we are doing!”
Are these the words of the great nations, the all powerful boards
and syndicates of the earth?
These are the words of liars, and cowards, and collaborators,
and traitors, collaborators with insect people,
with any people anywhere who offer you a body forever,
to shit forever.
For this you have sold your sons forever,
the ground from unborn feet forever!
Traitors to all souls everywhere!
You on the board, who want others to pay for you,
with your deals to take what is not yours,
and leave your human animals to be eaten alive by the crab people,
to go down the drain in green shit and piss.
The green deal?
“Don’t let them see us! Don’t tell them what we are doing!”
You on the board, who now say:
“Protect us from our gooks!
Protect us from our human animals!”
Are these the words of the all powerful boards
and syndicates of the earth?
And you want the name of Hassan Sabbah on your filth deeds
to sell out the unborn?
“Protect us from our gooks, our dogs, our human animals!”
Are these the words of the all powerful board,
the all powerful syndicates, the all powerful governments
and nations of the earth?
Liars! Liars! Liars! Cowards! Cowards! Cowards!
who cannot even face your own dogs!
Traitors to all souls everywhere! Sold out to shit forever.
You miserable collaborators
now ask the protection of Hassan Sabbah?
Are these the words of the all powerful board?
“Protect us from our gooks, our human animals!”
No, no, no, I will not protect you, and you will never use
the name of Hassan Sabbah – William Burroughs
to cover your green shit deals with crab-men,
with the Elders of Minraud.
Listen! Listen! Listen!
I rub out all the words and reports of the board, forever.
I rub out your Thing Police, for ever, for eve – r.
I rub out the words of Marx Lenin Einstein Freud fraud, forever.
I rub out the formulas of Einstein Oppenheimer, forever.
I rub out their words, forever.
I rub out the Qabalah, forever.
I rub out the Talmud, forever.
I rub out all the formulas and directives
of the Elders of Minraud, forever.
I rub out the word, forever.
Listen, all, all, all!
If you – I cancel all your words, forever.
You cannot take words with you into space.
That is all, all, all, Hassan Sabbah.

***

Da dove prende il nome “Hasan Sabbah” William Lee Burroughs

Ḥasan-i Ṣabbāḥ [1] (in persiano بن صباح o حسن صباح ) (Qom, circa 1034 – Alamūt, 1124) è stato un religioso persiano, capo carismatico dei Nizariti, una setta sciita ismailita conosciuta anche sotto il nome di Assassini (Hašīšiyyūn).
Ḥasan nacque a Qom, in Persia, da una famiglia sciita, ma crebbe a Rayy, presso Teheran.
A 17 anni incontrò per la prima volta un missionario (dā’ī) ismailita che, malgrado tutti i suoi sforzi, non riuscì a convertirlo all’Ismailismo. Più tardi si ammalò gravemente e, sconvolto all’idea di morire senza conoscere la Verità, prese contatto con un altro ismailita e finì per convertirsi a 35 anni, verso il 1071.
Fu presto notato da un dignitario ismailita di passaggio a Rey/Rayy, che lo inviò qualche anno dopo al Cairo, in Egitto. Probabilmente a seguito di problemi politici, dovette tornare in Persia nel 1080. Là passò diversi anni molti attivi a percorrere il paese per diffondere la propria fede, avendo ai propri ordini un gruppo di uomini che divenne sempre più numeroso.
Cominciò allora ad essere considerato pericoloso dalle autorità sunnite e fu ricercato attivamente dal vizir selgiuchide di Malik Shāh, Niẓām al-Mulk.
Nel 1090 – aveva ormai più di 50 anni – fece il suo primo colpo da maestro: la presa incruenta della fortezza di Alamūt, nel nord della Persia, fra Teheran e il mar Caspio. A partire da qui estese il dominio degli ismailiti nella regione e la loro influenza nel resto della Persia e in Siria.
Nel 1094, in seguito ad un conflitto di successione per la scelta del futuro Imām sciita, la dottrina ismailita si divise in due tronconi: uno in Egitto (mustaʿlī) e l’altro in Persia ( nizārī ). Da allora in poi gli ismailiti persiani nizariti), guidati da Ḥasan ibn al-Ṣabbāḥ, fecero conto sulle loro sole forze. Va notato che Ḥasan non rivendicò mai per sé stesso il titolo di Imām.
Sotto il suo regno si svilupparono gli assassinii politici e la prima vittima importante fu il vizir Nizām al-Mulk. Gli esecutori erano un gruppo di iniziati che si vuole agissero sotto l’effetto di droghe, anche se gli studi più recenti sono tutt’altro che certi che il nome della setta – al-Hašīšiyyūn – derivi in effetti dall’uso dell’hashish.
Marco Polo descriverebbe la sua fortezza come un vero paradiso, ricco di un magnifico giardino, di belle fanciulle, di quattro fontane da cui sarebbero sgorgati vino, latte, miele e acqua, a somiglianza dei fiumi del Paradiso islamico ed è al viaggiatore veneziano che si deve la notizia secondo la quale Ḥasan avrebbe condizionato i suoi seguaci facendo consumare loro vari tipi di droghe. Va però detto che Marco Polo non può essere stato testimone di nessuno di tali fatti dal momento che Ḥasan prese possesso della fortezza nel 1090, a quasi sessanta anni di età, mentre Marco Polo nacque nel 1254 e la fortezza stessa risulta quasi totalmente distrutta da parte di Hulagu Khan solo due anni dopo, ovvero nel 1256.
Una rappresentazione artistica di Ḥasan-i Ṣabbāḥ.
Personalmente Ḥasan era un uomo austero, che faceva applicare la legge islamica senza tentennamenti.
Fece giustiziare due dei suoi figli, uno per aver bevuto vino e l’altro per un’accusa di assassinio.
Si racconta che lasciasse molto raramente la propria casa e che abbia scritto molto ma quasi tutte le sue opere andarono perdute con la distruzione di Alamūt da parte dei Mongoli nel 1256.
Morì ad Alamūt, di malattia, a novant’anni, nel 1124.
(da Wikipedia)

Henry Miller su Jack Kerouac

di HENRY MILLER | dall’introduzione all’edizione italiana dei Sotterranei (Feltrinelli, il 15 giugno 1960)

Jack Kerouac ha violentato a tal punto la nostra immacolata prosa che essa non potrà più rifarsi una verginità. Appassionato cultore della lingua, Kerouac sa come usarla. Da virtuoso nato qual’è, egli si compiace di sfidare le leggi e le convenzioni dell’espressione letteraria ricorrendo ad una comunicazione rattratta scabra liberissima tra scrittore e lettore. Come ha detto egli stesso assai bene in The Essential & Spontaneous Prose: ” Prima soddisfa te stesso, e poi al lettore non mancherà lo choc telepatico e la corrispondenza significante perché nella tua e nella sua mente operando le stesse leggi psicologiche” . La sua integrità è tale che qualche volta dà l’impressione di andar contro i suoi stessi principi (Cancro? Canchero! Cosa importa, finché c’è la salute!). La sua cultura, tutt’altro che superficiale, lui si permette di strapazzarla come cosa di nessun conto. Contare? Niente conta. Ogni cosa ha la stessa importanza o non-importanza, da un punto di vista strettamente artistico.
Tuttavia sarebbe insensato dire che è uno scrittore freddo, cool. Anzi: è caldo, hot, incandescente. E mentre è lontano, distaccato, è anche vicinissimo ed espansivo, un fratello carnale, un alter ego. E’ qui e in ogni luogo, una specie di Ognuno. Spettatore ed oggetto contemplato. “Un santo della prosa, gentile, intelligente, sofferto” ha detto di lui Allen Ginsberg.
Si dice che il poeta, o il genio, precorra sempre i tempi. Vero, ma perché è tanto fortemente del suo tempo. “Smuovetevi”, incalza il poeta. “Non vedete che è tutta roba vecchia, roba di centomila anni fa?” (En marche! diceva Rimbaud.) Ma i cacastecchi non sono capaci di stargli dietro per questa strada. (Loro non sono ancora riusciti ad accettare Isidore Ducasse di Lautréamont.) E perciò che fanno? Ti buttano fuori dal nido, ti riducono alla fame, ti ficcano i denti in gola. Qualche volta sono anche meno pietosi: sostengono che non esisti neppure.
Tutto ciò che Kerouac ha descritto – questi personaggi – fantastici, fantasmagorici, ubiqui, ossessivi che hanno nomi che si possono leggere a dritto e a rovescio, queste vedute d’America struggenti, nostalgiche, intimamente grandiose, stereottiche, l’incubo di queste sfrenate corse nel vento su macchine truccate – e in più il linguaggio che egli usa (un Gautier alla rovescia) per descrivere le sue “cieloterrestri visioni” , il rapporto che esiste tra queste ipergoniche stravaganze e quelle perenni fioriture che sono l’Asino d’oro, il Satyricon e il Pantagruel, non sfugge neanche ai lettori di “Time” e di “Life” , dei condensati e dei fumetti.
Il buon poeta, o in questo caso lo “spontaneo prosodista bop” , è sempre sensibile alla lingua parlata del proprio tempo: lo swing, il beat, il ritmo metaforico-sincopato che possiede una rapidità, una vivezza, una pugnacità così incredibilmente (benché spassosamente) pazzesche, da risultare irriconoscibili fissate sulla carta. Irriconoscibili a tutti, s’intende, tranne che ai poeti. Poi la gente dice che l’ha “inventato” il poeta. Insinuando che l’ha diluito. Per dire : “L’ha preso”. L’ha preso, svuotato, afflosciato. (“Te lo sei ben lavorato, nazista.”)
Quando uno chiede: “Ma dove l’ha presa questa roba?” rispondi. “Da te!” Senti un po’: questo qui sta sveglio tutta la santa notte ad ascoltare con le orecchie e gli occhi. Una notte di mill’anni. Ascolta in grembo a sua madre, ascolta in culla, ascolta a scuola, ascolta nella sala borsa della vita dove si barattano sogni contro oro. E bada: è stufo di ascoltare. Vuole muoversi. Sbocciare. Ma tu glielo permetti?
Questa è un’epoca di miracoli. Il tempo dei superuomini è finito; i maniaci sessuali sono relegati in un limbo, gli spericolati funamboli si sono rotti l’osso dl collo. Epoca di meraviglie, in cui i nostri scienziati, con l’aiuto e per istigazione degli alti sacerdoti del Pentagono, distribuiscono gratuite informazioni sulla tecnica della distruzione, mutua ma totale. Progresso, eh sì! Ma realizzarlo in un romanzo leggibile, se sei capace. Ma non cianciate di vita-e-letteratura se siete dei necrofagi. Non scocciateci con discorsi di buona letteratura “pulita” – senza contaminazioni radioattive! Fate parlare i poeti. Saranno magari beat, ma non cavalcano certo nessun Jagannath a propulsione atomica. Credetemi, non c’è niente di pulito, non c’è niente di sano, nulla promette un’era di meraviglie – nulla tranne la parola. E l’ultima parola l’avranno probabilmente i Kerouac.
Quanto più giro il mondo, tanto più mi stupisce (e mi fa un immenso piacere) scoprire quanti lettori entusiastici abbia Kerouac. E tanto mi impressiona questo interesse mondiale per le sue opere se penso quanto sia difficile da tradurre. Naturalmente i giovani dappertutto sono curiosi del movimento dei beatnik, in rapporto al quale Kerouak sembra stare nella stessa posizione di un André Breton rispetto al Surrealismo. Io però non penso che la valutazione di Kerouac debba essere costretta dentro i limiti della sua società con i beatnik. Kerouac è uno scrittore originalissimo che potrebbe, senza sforzo, essere considerato caposcuola in qualsiasi movimento. Penso che egli sia il più promettente di tutti i giovani scrittori contemporanei, almeno in America. Come Thomas Wolfe, egli è posseduto da una forza vulcanica. E’ un poeta che con la sua opera dimostra una verità enunciata una volta da René Crevel: “la mancanza di coraggio è letale.”
E forse il suo maggiore contributo alla letteratura americana è proprio il coraggio che ispira ad altri scrittori. Dopo aver letto Kerouac è difficile ritornare a scrittori come Dos Passos, Hemingway, Steinbeck… o anche… anche al sottoscritto.

1966: Arbasino incontra Kerouac

Beatnik in pensione
di ALBERTO ARBASINO
[da L’Espresso, 9 ottobre 1966]

Roma – Apriamo la porta della stanza d’albergo, e quest’uomo basso con gli occhi verdi sta ronfando e ringhiando strappandosi la camicia, mostra il ventre obeso alle due ragazze salite poco fa per fotografarlo e intervistarlo. La camicia a scacchi verdi vien via, la prima cosa che mi dice è di togliermi la giacca. M’afferra la cravatta: «Io non ne porto mai, si può anche essere strangolati, con una di queste». E fa il gesto. Vorrebbe che mi togliessi la camicia. Ma per far cosa, per lottare, che non ce la fa neanche a stare in piedi? Sui tavoli, i sandwich non toccati, le birre che succhia fra un cognac e l’altro. Le ragazze fotografano. Lui fa delle corse intorno alla stanza. Non gliene importa niente se si apre la porta, non si accorge neanche se vengono dentro dei curiosi invadenti.
«…Comprare automobili, sfasciare automobili, rubare automobili, fracassare automobili, prender su ragazze, far l’amore, bevute per tutta la notte, posti di jazz, orge sfrenate, posti scottanti…». Questo dice la quarta di copertina di Sulla strada, paperback di otto anni fa, epoca ancora di jazz, non ancora di yè-yè. E subito sotto: «Questa è l’Odissea della Generazione Beat, i giovanotti frenetici e le loro donne che corrono furiosamente da New York a San Francisco, dal Mexico a New Orleans in una ricerca forsennata: di Godimenti e di Verità».
Continua a leggere “1966: Arbasino incontra Kerouac”

Allen Ginsberg: America

di ALLEN GINSBERG

[traduzione di Rossano Astremo da MUSICAOS]

ginsbergamericaAmerica ti ho dato tutto e ora non sono nulla.
America nelle tasche ho due dollari e ventisette centesimi, 17 Gennaio 1956.
Non sopporto la mia mente.
America quando avrà termine la guerra tra gli uomini?
America fatti inculare assieme alla tua bomba atomica.
Non mi sento bene non stressarmi.
Non scriverò il mio poema se prima non cesserà la mia follia.
America quando sarai angelica?
Quanto scaglierai per terra i tuoi abiti?
Quando ti osserverai attraverso la tua tomba?

Quando esulterai per la presenza dei tuoi milioni di Trotzkisti?
America perché le tue libreria sono piene di lacrime?
America quando porterai le tue uova in India?
Sono stufo delle tue richieste illogiche.
Quando potrò andare al supermarket e comprare ciò
di cui ho bisogno con questa mia bella faccia?
America dopo tutto te ed io siamo perfetti non il resto del mondo.
Il tuo Sistema per me è insopportabile.
Tu hai cercato di trasformarmi in un santo.
Ci devono essere altri modi per affrontare questi argomenti.
Burroughs è a Tangeri io non penso che tornerà indietro è minaccioso.
Stai per diventare anche tu minacciosa o è solo una beffa?
Cerco di venire al punto.
Mi rifiuto di cedere alla mia ossessione.
America smettila di torturarmi so cosa sto facendo.
America i seni avvizziti stanno cadendo.
Non ho letto i giornali per mesi interi, ogni giorno
Qualcuno è processato per omicidio.
America mi riempio di emozioni pensando ai Wobblies.
America sono comunista da sempre e non sono pentito.
Fumo marijuana ogni volta che posso.
Sono immobile da giorni nella mia casa e fisso le rose
nel mio armadio.
Quando mi reco a Chinatown bevo sino a star male senza mai riposarmi.
La mia testa è fuori controllo forse ci saranno complicazioni.
Mi avrai visto mentre leggevo Marx.
Il mio psicanalista ritiene che io abbia tutte le rotelle al posto giusto.
Non intesserò mai lodi al Signore.
Io ho solo visioni mistiche e vibrazioni cosmiche.
America ancora non ti ho detto cosa hai fatto a mio zio
Max dopo il suo ritorno dalla Russia.

Sto parlando con te.
Le tue emozioni continueranno ad essere soffocate dal Time?
Io sono ossessionato dal Time.
Lo leggo ogni settimana.
Parlo solo con me stesso, nuovamente.
La sua copertina m osserva ogni volta che passo oltre
l’angolo del negozio di caramelle.
Lo leggo ogni volta nello scantinato della Libreria Pubblica di Berkeley.
Affronta ogni volta il tema della responsabilità.
Gli uomini d’affari sono seri. I produttori di film sono seri.
Tutti sono seri tranne me.
Io sono americano.
Parlo nuovamente con me stesso.

L’Asia si ribella contro di me.
Io non ho le stesse forze di un cinese.
Dovrei considerare le potenzialità della mia Nazione.
La mia Nazione possiede due canne di marijuana
Milioni di genitali una letteratura intima, non pubblicabile,
che viaggia a 1400 miglia l’ora, e venti- cinque- mila manicomi.
Non mi soffermo sulle mie prigioni non mi soffermo sui milioni
di poveri cristi che vivono nel mio portafiori
sotto la luce di cinquecento soli.
Io ho abolito le case chiuse di Parigi, Tangeri è la prossima
meta da raggiungere.
Il mio obiettivo è divenire Presidente pur essendo Cattolico.
America quando potrò scrivere una litania sacra utilizzando
stile da idioti?

America tu non vuoi davvero fare la guerra.
America è tutta colpa dei Russi.
Solo colpa dei Russi, i Russi e i Cinesi.
E i Russi.
La Russia vuole mangiarci vivi. Il potere della Russia
è folle. La Russia vuole prendere le nostre auto e portarle
fuori dal garage.
La Russia vuole fottere Chicago. Ha bisogno di un Readers’ Digest
rosso. La Russia vuole che le nostre auto arrivino in Siberia.
La grande burocrazia corre lungo le stazioni stracolme.
Non è una buona idea. No! Gli Indiani impareranno a leggere.
Ci sarà bisogno di grandi neri. Hah. La Russia ci farà lavorare
per sedici ore al giorno. Aiuto.
America ciò è davvero serio.
America questa è l’impressione che si ha guardando
i programmi che mandano in televisione.
America le cose stanno davvero così?

America ti dono le mie spalle da checca in silenzio.

America: un’installazione propedeutica

americainstallazione.jpgEcco un’installazione che non ha pretese artistiche, poiché la declinazione artistica si condensa nel cut-up operato sul testo, cioè sui versi del poemetto America di Allen Ginsberg (qui la traduzione integrale, eseguita da Rossano Astremo). L’installazione è stata richiesta per una presentazione in un liceo milanese e ha dunque un carattere propedeutico, iconico e storico – una prospettiva sulla civiltà americana in cui si evidenziano per ritmi sonori e immaginali gli urli di Ginsberg. Da questa prospettiva è emendato completamente il comparto per cui l’America è da amare, per quanto ci ha dato in termini di movimenti, controcultura, sperimentazione, arte, pop, scienza sostenibile – emendamento giustificato dall’operazione di montaggio a partire da Ginsberg che, col movimento Beat, emblematizza nella sua totalità simile comparto. E’ dunque un’installazione di pura critica a partire da versi di un artista alternativo al sistema istituzionale americano e per tale va presa.
Le voci che si ascoltano all’inizio e al termine sono di William S. Burroughs e dello stesso Ginsberg, che legge l’incipit del poema Howl. Le musiche sono dei Depeche Mode (remixati da Clarke) e da Glass. Le immagini sono tratte dalla Rete, comprese quelle storiche. La critica di Ginsberg anticipa il problema della fine del sogno americano, della vocazione alla guerra, della pena di morte, della società dello spettacolo, del controllo mentale individuale e di massa. L’appello all’innocenza americana è tutto da interpretare.
Si consiglia il download a chi dispone di fibra ottica o adsl. Come al solito, basta cliccare il link qui in calce, cliccare due volte sull’icona azzura del file .exe scaricato e, per vedere a schermo pieno, cliccare sulla freccina obliqua arancione sulla barra in basso, una volta partita l’installazione.
AMERICA – slideshow – 7’10” – 8.7M