Il caso Binaghi e “I custodi del Talismano”

valter_binaghiC’è una domanda che, a mio parere, merita una risposta certa e pronta da parte dell’editoria: perché non viene pubblicato da case editrici di una certa stazza quantitativa ciò che scrive Valter Binaghi? E’ uno dei più problematici e complessificanti scrittori di questi anni, è un narratore che fa trapelare il teologico attraverso le storie, è un creatore di finzioni che ci mettono spalle al muro rispetto a verità storiche (collettive e personali) e ingaggi filosofici e metafisici. Quanto si è detto su queste pagine (male e di sfuggita: solo per mancanza di tempo, però) a proposito dei libri di Vasta e Falco e Paolin, si potrebbe dire (in altro modo) a proposito di testi come I tre giorni all’inferno di Enrico Bonetti cronista padano o Devoti a Babele (a proposito di quest’ultimo: qui la mia recensione su Carmilla, la quale esordisce con la medesima domanda che pongo ora).
Continua a leggere “Il caso Binaghi e “I custodi del Talismano””