blog

April 01, 2015 at 04:10PM

Tutta la contemporaneità italiana, e non italiana ma occidentale in genere, sta qua, in questo punto di fuga, nella ripetizione triadica, nello sguardo strabico e sperduto, nel silenzio di fondo, nell’immaginario scomparso e non “condiviso”, nella tuta, nella coloristica. L’antropologia del futuro ci riterrà un’archeologia interessante.

Annunci