Teresa Ciabatti: A sostegno degli artisti italiani | Persona cattiva

La grande battaglia civile, mecenatesca, estetica di Teresa Ciabatti, a sostegno dei giovani e degli artisti e degli italiani, e anche dei giovani artisti italiani: dall’imperdibile blog della Ciabatti medesima, PERSONA CATTIVA

Uno schizzo artistico di Tino, 5 anni, figlia della Ciabatti
Uno schizzo artistico di Tino, 5 anni, figlia della Ciabatti

from Facebook http://ift.tt/1nMzjdS
via IFTTT

Annunci

True Detective | HBO

E’ un serial strepitoso, semplicemente fantastico, allucinatorio e impressionante, per narrazione e produzione filmica: si intitola “True detectives”, i protagonisti sono Matthew McConaughey e Woody Harrelson. Una Louisiana al tempo stesso troppo fisica e troppo metafisica, ogni inquadratura a mostrare la corrosione a cui la realtà è sottoposta dal male naturale, la desertificazione del mondo rotta da due personalità con psicologie né complementari né irriducibili l’una all’altra, i grandi cieli rugginosi e la vegetazione delabrè, una trama sdrucita con sapienza al fine di permettere voli pindarici e orrorifici, una sapienza nei dialoghi che fa piangere lo spettatore italiano quando pensi ai produttori e sceneggiatori suoi connazionali: nonostante l’innesco di trama, da thriller dell’occulto, si è travolti dal gelo disumano, o fin troppo umano, a cui espone la maschera inquietante e parkinsoniana di Matthew McConaughey, il quale interpreterebbe alla perfezione William Burroughs, e si stenta a credere al prognatismo criminale di Woody Harrelson calato in un personaggio che dovrebbe essere l’integrato, il normale, lo stanco, il coniugato, il postborghese, il normalissimo. Il tutto sta sotto la spada di Damocle narrativa di un’indagine postuma ai fatti che si vedono raccontati. Così, di fronte alla telecamera che testimonia di un infinito ed estenuante e clamoroso interrogatorio, Matthew McConaughey chiede, ai poliziotti che gli fanno le domande, se hanno figli; e ne hanno; quindi dice loro: “Vi siete dunque piegati alla ybris di strappare le anime dei vostri figli dal loro perfetto silenzio prenatale, per condurle nella carne, in questo universo”. Siamo in area interdetta: la radioattività è alta. Vengono posizionate barriere per evitare che la gente ci entri facilmente. Nessun italiano sa varcare quella soglia.
http://ift.tt/1l9LhQc
from Facebook http://ift.tt/1l9LhQc
via IFTTT

Caso Uva, alta tensione fra testimone e pm – Repubblica Tv – la Repubblica.it

E’ urgente e necessario che si condivida e ci si esprima su il video di questo interrogatorio impressionante, a cui è stato sottoposto il testimone chiave del caso Giuseppe Uva. Contro il pubblico ministero Agostino Abate, che nel video potete vedere come conduce l’interrogatorio, il ministero di Grazie e Giustizia ha avviato un’azione disciplinare. Tutta la mia solidarietà al testimone Alberto Biggiogero e alla famiglia Uva. Per informazioni sul caso, che manifesta purtroppo tragiche analogie con l’omicidio di Stefano Cucchi, il link per informarsi è questo: http://ift.tt/1msZSBm

http://video.repubblica.it/embed/edizione/milano/caso-uva-alta-tensione-fra-testimone-e-pm/153198/151703&width=320&height=180

via IFTTT

Dialoghi di Estetica. Parola a Davide Manuli | Artribune

1070048_296787620465753_1025930102_n

Intervista a Davide Manuli: su “Beket”, “La leggenda di Kaspar Hauser” e la macchina da guerra del cinema d’arte:
“Tutte le Biennali d’arte contemporanea di Venezia messe assieme non partoriranno mai il ‘Faust’ di Sokurov. Non c’è paragone. Detto questo, mi auguro davvero che l’arte contemporanea inizi a dare un occhio ai registi che fanno del cinema la loro arte: Carax, Lynch e Sokurov, per esempio, dovrebbero avere una sala tutta loro nei musei.
http://ift.tt/1dxQsno
from Facebook http://ift.tt/1dxQsno
via IFTTT

Quel brodo primordiale del nordismo

bacheca_lega

Era facilmente prevedibile quello che sarebbe emerso dalla congerie orrenda e dal venefico brodo primordiale, non soltanto nordico, in cui prospera quel fenomeno politico che è la Lega Nord. E’ un insieme di brutture spirituali e di mostruosità collettive, che ha una cifra antropologica precisa. Tale cifra ottiene il suo apice più visibile alle origini della manifestazione di Adolf Hitler. Si tratta della costruzione perversa di un esercito di “camicie verdi” a supporto del movimento nazionalsocialista di Hitler: il corpo delle Sturmabteilung agli ordini di Ernst Röhm. Temperamento lombrosianamente adatto alle sagre tutta birra e weißwurst, in cui da due decenni e mezzo i popolani leghisti sembrano trovarsi a loro agio, Röhm era una specie di weißwurst crudele, violento, neghittoso davanti a qualunque esercizio di democrazia. Non è secondario l’apporto che egli fornì a Hitler in termini di ideologia e pratica dell’organizzazione e dell’ottimizzazione sociale tramite violenza. Nascondeva la propria omosessualità, che intendeva quale forma di virile cameratismo, e fu la vittima principale della cosiddetta Notte dei Lunghi Coltelli, un evento anch’esso emblematico e ciclico in queste frange di umanità occidentale, come dimostra la vicenda del padre putativo della stessa Lega Nord, ripreso di volta in volta da desolanti telecamere a convegni vuoti, umiliato alle supposte elezioni per il segretario dopo tre decenni di militanza e milizia politica nel suo movimento, incredibilmente capace di ripetere à go go performance con il suo braccio leso che sferra un pugno immancabilmente al pugno di Calderoli, il quale ghigna allegro, in una forma di sardonico sprezzo dei fati e degli dèi pagani.
Oggi la Lega Nord, con le intuizioni geopolitiche dell’ex neofascista Borghezio, fatte proprie da Salvini, si propone come punta di zircone del populismo europeo. La civiltà italiana è quella che è, si può prevedere un buon successo di questa istanza orripilante (la quale è frenata, per ammissione stessa del leader, dal Movimento 5 Stelle, che convoglia nel suo elettorato le spinte angosciantemente qualunquiste, che nell’ultimo trentennio si sono rivelate di marca brianzola DOP, ma sono comuni all’intera estensione dello Stivale). Tra queste deliranti intuizioni geopolitiche, maturate nelle falangi più disgustose di una cosa che si chiamò Nuova Destra a fine Settanta e negli Ottanta e nei primi Novanta italici (lì miliziava il Borghezio stesso), c’è tutto un apparato di tecniche attive e preventive rispetto a certi risultati da ottenere. Ecco dunque “la negritudine” invocata a proposito di Cécile Kienge, la delazione e la proscrizione difese con argomentazioni pseudodemocratiche, l’urlo belluino come griffe politica, il sangue alla testa e il suolo pulito con lo spic&span etnico. Inutili le prese di posizione che tentano il buon senso, contro questo apparato di guerra interna, autentico stato germinativo della dominio della lotta e della supremazia del biotipo verdecamisàdo. Essi marciano o marcisono, non si sa bene, al ritmo di canti völkisch e di borborigmi gastrointestinali, attenti al particulare che sempre si traduce nella moneta sonante che desiderano avere a disposizione tanto e generosamente elargito dalla Dea Briantea, rubizzi nella psiche e coi capillari gonfi nel corpo grossolano, torniti e adiposi, artritici e saggi di una saggezza campestre (purché i campi siano lavorati chimicamente), tutti protesi al sol dello svenir o del venir meno di qualunque libertà, a favore dell’ordine sociale della stia o dell’aia o della schiera di villette, francesi del Midi o bavaresi o fintopalladiane. Sono i cospiratori dell’universo Pam. Se la prendono con i cambiamenti nei reparti dell’Esselunga, perché il burro non è più dov’era una volta. Chattano immancabilmente per una scopata, virilmente cameratesca, ben nascosta e notturna, non fanno vedere al figlio la cronologia di Chrome altrimenti vengono fuori indirizzi di siti animal. Sono ovunque, poiché ovunque ha un nord, anche Lampedusa. Le loro parole di spregio contro qualunque sud del mondo o dell’anima compilano un compendio di abnormità, contrarie alla storia della specie, poiché non ci sarebbe alcuna specie proveniente dal cuore dell’Africa e in migrazione nomade verso Bering, stando a quelle panzane tragiche e criminali, aggressive e crudellime. Nelle loro tavernette, nei loro sottoscala, nei loro rialzi dei tetti urbani, si consumano fatti segreti e impressionanti. I loro delitti li appassionano, avvengono a Erba, a Garlasco, in posti così. Già uno come Paolo Poli dissolve il loro legame, che è chimico, è elettrico, non è empatico. I loro neuroni specchio stanno lì ad aspettare ancora che qualcuno si specchi. Sono un infernale carnevale di carne, un Hellraiser lombardo, un Nightmare amburghese, un horror delle Fiandre, una bambola assassina che parla con timbro lepeniano.
In realtà, si alza un signore qualunque e ne svela l’inconsistenza, la grottesca tragedia della farsa. Condividete questo video, educativo e pieno di amore.

http://video.espresso.repubblica.it/embed/tutti-i-video/strasburgo-l-attacco-di-tarabella-a-salvini-fannullone/1470/1469&width=320&height=180
from Facebook http://ift.tt/1fyWyqA

via IFTTT

“Fine Impero” resumé

401130_108034712739162_1095386320_n (1)

 

Fine Impero è disjecta membra. Qui esse vengono radunate, a mo’ di “centrale” o di obitorio. Tutto ciò che ruota intorno al libro ed è raggiungibile via Rete viene qui radunato in progress (voci prive di link ne saranno corredate a breve):

 

Videointervista senza rete al Miserabile

Alla presentazione del suo nuovo romanzo Le Teste, Bonsai Tv ha incontrato il Miserabile, per parlare di internet e del futuro della letteratura in rete. E di alcuni scorci particolari del suo libro.

Verifica dei poteri sullo stato di produzione artistica e digitalizzazione, connessione e comunità: Bonsai.tv videoregistra pensieri non tanto in libertà circa il crollo e la rigenerazione dei paradigmi culturali nell’epoca della deflagrazione dell’occidente.

[Pubblicato il 21 dicembre 2009 e rieditato il 2 settembre 2011]