blog

April 08, 2015 at 03:49PM


Daniele Lamuraglia adotta questa strategia, rispetto all’Io Sono (Giuseppe Genna): lo gonfia fino a farlo esplodere: “Uno scrittore che come pochi altri in questi ultimi anni è stato capace di scandagliare gli abissi della coscienza contemporanea – umana e disumana – attraverso una serie di personaggi, e situazioni differenti, sempre cruciali; che ha saputo oltrepassare la forma del libro per riversare la sua scrittura in tutti gli strumenti del comunicare, come immagini, video, teatro, cinema, social network;
che ha colto e anticipato i segni premonitori delle trasformazioni artistiche, sociali, politiche, non scendendo a patti ma stringendosi alla propria libertà di pensiero; che contro le leggi della competitività e dell’invidia è felice di scoprire e proporre altri artisti e amare il prossimo autore suo come se stesso; scrive oggi un saggio di pratiche e terapie della coscienza: Giuseppe Genna, Io Sono, Il Saggiatore.
Qualunque cosa ci sia, entro nel libro, e ne consiglio l’attraversamento a chiunque si occupi di psicologia, psicanalisi, psicoterapia, letteratura, filosofia; o abbia semplicemente cura della coscienza, quella propria e dunque quella degli altri.”

da Facebook http://on.fb.me/1N965oN

Annunci