Rai Radio1: Nudo e crudo intervista il Miserabile su Italia De Profundis

Giuseppe Genna - ITALIA DE PROFUNDIS - minimum faxIl sito ufficiale
ITALIA DE PROFUNDIS su minimum fax
Rassegna stampa e materiali
Anticipazione sul blog Il Miserabile
Ipertesto della Scena italiana come inferno
I booktrailer: 1234
Videomeditazioni: La storia non siamo noiStoria di fantasmi
Acquista Italia De Profundis su iBS o su BOL.

L’intervista al Miserabile sottoscritto nel corso della puntata del 20.1.09 di Nudo e crudo, trasmissione in onda su Radio1 Rai, ideata e diretta da GIULIA FOSSA’.
Poiché è risultato impossibile lavorare sul file originale, mi scuso per la non eccelsa qualità della riproduzione (qui lo streaming dell’intera puntata, dedicata al rapporto tra letteratura e politica e società italiana, con Alberto Asor Rosa, Walter Siti, Luca Mastrantonio e, appunto, il sottoscritto).
E’ possibile ascoltare direttamente in questa pagina l’intervista, cliccando l’icona azzurra di “play” qui sotto. Per chi non la visualizzasse, si può cliccare sul file mp3.
http://static.delicious.com/js/playtagger.js L’intervista a Nudo e crudo [6 min.]
frecciabr.gif Il file mp3 dell’intervista a Nudo e crudo [6 min. – 5.7M]

Annunci

tuttoLibri de La Stampa: Sergio Pent su Italia De Profundis

Giuseppe Genna - ITALIA DE PROFUNDIS - minimum faxIl sito ufficiale
ITALIA DE PROFUNDIS su minimum fax
Rassegna stampa e materiali
Anticipazione sul blog Il Miserabile
Ipertesto della Scena italiana come inferno
I booktrailer: 1234
Videomeditazioni: La storia non siamo noiStoria di fantasmi
Acquista Italia De Profundis su iBS o su BOL.

De Profundis per il Belpaese
Genna – Il ritratto di un mondo in disarmo, regredito a divertimentificio, non lasciando più spazio al pensiero. La drammatica corsa verso il nulla, un’isteria contagiosa che mette a tacere la realtà e il tempo
di SERGIO PENT
[da ttL, inserto letterario de La Stampa – versione cartacea, 17.1.09]
frecciabr.gif La versione jpg dell’articolo su IDP [243k]
(…) Il masochismo autofagocitante con cui Genna spala letame dall’italica quotidianità, è quasi esemplare. Vittima e artefice dei suoi furori assoluti, questo scrittore unico, assordante, narcisista e autolesionista, va delineando con sapiente confusione il ritratto di un Paese in disarmo, regredito ai riti tribali di una sopravvivenza all’insegna di un fittizio tutto-compreso, dove l’illusione di essere calati in un perenne divertimentificio non lascia più spazio ai pensieri concreti del malessere e del disagio. Basta non pensarci, sostiene chi ci governa.
Giuseppe Genna dà il meglio di sé quando affonda il bisturi nei mali incurabili del Belpaese. Libri come Nel nome di Ishmael e Dies Irae, che avrebbero dovuto caratterizzare stagioni letterarie, sono stati liquidati come un thriller fantapolitico e una deprimente analisi autocelebrativa. (…) [CONTINUA]

Tommaso Pincio sul manifesto: l’Italia, il romanzo di Brizzi e il De Profundis

Giuseppe Genna - ITALIA DE PROFUNDIS - minimum faxIl sito ufficiale
ITALIA DE PROFUNDIS su minimum fax
Rassegna stampa e materiali
Anticipazione sul blog Il Miserabile
Ipertesto della Scena italiana come inferno
I booktrailer: 1234
Videomeditazioni: La storia non siamo noiStoria di fantasmi
Acquista Italia De Profundis su iBS o su BOL.

SPETTRI ITALIANI – TRE VARIAZIONI SULLO SFONDO DEL MALPAESE
di TOMMASO PINCIO
[da il manifesto – versione cartacea, 11.1.09]
frecciabr.gif L’ultimo romanzo, di recente uscita, di Tommaso Pincio: Cinacittà
frecciabr.gif Il sito ufficiale di Tommaso Pincio
frecciabr.gif Aderisci alla campagna “Sostieni il manifesto

n1552318056_112863_2617.jpg

«L’Italia è il paese che amo»: così, con solenne e televisiva semplicità, il nostro attuale premier si dichiarò alla nazione. Era il 26 gennaio 1994, nessuno osava allora immaginare quanti e quali frutti sarebbero nati dall’idillio tra un magnate della comunicazione e un paese di miracoli e miracolati. I malevoli ritengono che sia disceso in campo per salvare se stesso e le sue aziende; il diretto interessato sostiene che in cima ai pensieri avesse lo spettro di una nazione in mano a forze illiberali, i famigerati comunisti. Comunque sia, in quel famoso discorso registrato su videocassetta e trasmesso a reti quasi unificate, disse che l’Italia «giustamente diffida di profeti e salvatori». Eppure è proprio così che si è proposto, ed è proprio così che una cospicua fetta d’italiani lo ha accolto. In questo, che gli piaccia o no, ha qualcosa in comune con Mussolini. La grande campagna antimalarica con la quale si promise la bonifica integrale delle Paludi Pontine fu uno dei capisaldi della propaganda fascista e servì a presentare il duce come il «grande medico» della nazione. Similmente, Silvio Berlusconi si è annunciato come il rimedio definitivo all’annosa piaga della politica senza mestiere, tutta malaffare e chiacchiere incomprensibili.

Continua a leggere “Tommaso Pincio sul manifesto: l’Italia, il romanzo di Brizzi e il De Profundis”

l’Unità: Di Paolo e Rovelli su Italia De Profundis

Giuseppe Genna - ITALIA DE PROFUNDIS - minimum faxIl sito ufficiale
ITALIA DE PROFUNDIS su minimum fax
Rassegna stampa e materiali
Anticipazione sul blog Il Miserabile
Ipertesto della Scena italiana come inferno
I booktrailer: 1234
Videomeditazioni: La storia non siamo noiStoria di fantasmi
Acquista Italia De Profundis su iBS o su BOL.

Il testamento di Genna. Autopsia sul corpo della nostra Italia
In questo libro Giuseppe Genna rivela sotto i nostri occhi fatti plausibilmente autentici di quanto il personaggio «Giuseppe Genna» ha vissuto: dal drammatico ritrovamento del cadavere del padre.
di MARCO ROVELLI
[da l’Unità – versione cartacea, 31.12.08]
frecciabr.gif La versione jpg dell’articolo su IDP [208k]
Il titolo del libro va preso alla lettera: Italia De Profundis (minimum fax,euro
15) è davvero un testo testamentario. La prima cosa che appare alla lettura è inevitabilmente il torrenziale processo di verbificazione del mondo, che si misura di continuo con il proprio annichilimento. In un fallimento disperato, il verbo cerca continuamente di indicare fuori di sé, volto al trascendimento. Trascendere il
verbo, trascendere l’Io. Quell’ipertrofico Io che non cessa di confrontarsi con la propria fine. «Cade la parola, cadono le immagini. Escludi tutto» – è scritto nel libro. (…) [CONTINUA]

I libri dell’anno
di PAOLO DI PAOLO
[da l’Unità – versione cartacea, 31.12.08]
frecciabr.gif La versione jpg dell’articolo su IDP [80k]
(…) Eppure mai, nelle sue pagine, il mondo intorno riesce a provocare tanto turbamento quanto il malessere esistenziale del narratore. Perché il cuore del libro è qui: nello «sfogo di rabbia». Che nesso vi sia (e quanto saldo) tra tragedia privata e tragedia pubblica, è difficile dirlo (…) [CONTINUA]

Il Giornale: Gian Paolo Serino su Italia De Profundis

Giuseppe Genna - ITALIA DE PROFUNDIS - minimum faxIl sito ufficiale
ITALIA DE PROFUNDIS su minimum fax
Rassegna stampa e materiali
Anticipazione sul blog Il Miserabile
Ipertesto della Scena italiana come inferno
I booktrailer: 1234
Videomeditazioni: La storia non siamo noiStoria di fantasmi
Acquista Italia De Profundis su iBS o su BOL.

Reportage civile ma impietoso dell’Italia di oggi
di GIAN PAOLO SERINO
[da Il Giornale – versione cartacea, 28.12.08]
frecciabr.gif La versione jpg dell’articolo su IDP [394k]
Leggere un libro di Giuseppe Genna è come aprire una ferita aperta, che sanguina come un balsamo su una narrativa esangue che da anni ha smesso di cercare di essere letteratura. Giuseppe Genna con il suo nuovo Italia De Profundis dimostra di essere lo scrittore italiano che, come pochi altri, tenta davvero la via di una letteratura civile, di una letteratura che non scompaia a libro finito: che rimanga come un’incisione nel cuore dei lettori (…) [CONTINUA]

Corriere della Sera: Stefano Montefiori su Italia De Profundis

Giuseppe Genna - ITALIA DE PROFUNDIS - minimum faxIl sito ufficiale
ITALIA DE PROFUNDIS su minimum fax
Rassegna stampa e materiali
Anticipazione sul blog Il Miserabile
Ipertesto della Scena italiana come inferno
I booktrailer: 1234
Videomeditazioni: La storia non siamo noiStoria di fantasmi
Acquista Italia De Profundis su iBS o su BOL.

Esplorazioni – Il nuovo romanzo è un precipizio in una decadenza condivisa: personalle e collettiva
Genna: bestiario d’Italia, me compreso
Dalla morte del padre a “Un posto al sole”: ritratto doloroso ed esilarante
di STEFANO MONTEFIORI
[da Corriere della Sera – versione cartacea, 23.12.08, pag 45]
frecciabr.gif La versione jpg dell’articolo su IDP [435k]
In questo romanzo l’Italia è centrale, e l’uomo Giuseppe Genna lo è ugualmente. I racconti delle decadenze di entrambi sono – in modo più spesso doloroso, talvolta esilarante – necessari l’uno all’altro, compenetrati e inscindibili. Già dalla riuscita, violenta copertina di Riccardo Falcinelli, l’urlo dell’Italia moribonda, spacciata, supera l’ormai consueto fastidio per i pantaloni a vita bassa, o per i gusti musicali dozzinali. Italia De Profundis va oltre (…).
La miseria sessuale e sentimentale di Genna, e dell’Italia, ricorda nei momenti più cupi lo Houellebecq di Estensione del dominio della lotta, ma verso la fine del romanzo induce al riso, prima della tragedia conclusiva (…) [CONTINUA]
[Nota di Giuseppe Genna: quando ieri ho spalancato il Corriere della Sera, sono allibito davanti alla mezza paginata, all’illustrazione e alla foto dedicate a IDP. Desidero ringraziare moltissimo il responsabile delle pagine culturali del Corriere e l’estensore dell’articolo su Italia De Profundis: mezza pagina su un libro di questo tipo e una recensione tanto bella davvero non me le aspettavo. Grazie! gg]

la Repubblica: Marco Lodoli su Italia De Profundis

Giuseppe Genna - ITALIA DE PROFUNDIS - minimum faxIl sito ufficiale
ITALIA DE PROFUNDIS su minimum fax
Rassegna stampa e materiali
Anticipazione sul blog Il Miserabile
Ipertesto della Scena italiana come inferno
I booktrailer: 1234
Videomeditazioni: La storia non siamo noiStoria di fantasmi
Acquista Italia De Profundis su iBS o su BOL.

Tormenti e follie di un intellettuale
di MARCO LODOLI
[da la Repubblica – versione cartacea, 20.12.08, pag 45]
frecciabr.gif La versione jpg dell’articolo su IDP [184k]
Italia De Profundis, l’ultimo romanzo di Giuseppe Genna, scrittore debordante, visionario, implacabile, ha l’apertura alare di un avvoltoio che cala sulla carogna del nostro Belpaese: nulla è perdonato, nulla viene condannato dalla penna feroce di un autore che è spietato innanzitutto con se stesso e poi con ogni nefandezza di questo tempo ilare e stordito… [CONTINUA]
[Nota di Giuseppe Genna: tra il sottoscritto e Marco Lodoli sono avvenuti in Rete scontri spesso molto accesi, non tanto sulla letteratura, quanto su prese di posizione politiche – per esempio ai tempi della strage di Nassirya o circa le modalità di diffusione on line del discorso letterario. Sono particolarmente felice dell’interlocuzione che Lodoli mi ha concesso con il suo articolo: e non perché si tratti di una recensione positiva – lo sarei stato anche se si fosse trattato di una stroncatura. Poiché si possono avere posizioni differenti, ma il dialogo, anche quello in cui uno dice “no”, è per me la stretta empatica intorno a cui gli umanisti devono fare cerchio. Ringrazio perciò Marco Lodoli di questa occasione di confronto e di incontro di sguardi. Non dispongo della sua mail: se qualcuno la conoscesse o se lo stesso Lodoli incrociasse questa nota, potrei averla? Ringrazio in anticipo, assicurando un uso responsabile dell’indirizzo di posta elettronica eventualmente fornito. gg]