Dal romanzo Hitler: il brano letto a Roma

hitlercovermedia.jpgDevo ringraziare per l’ospitalità e l’eccezionale lavoro svolto da minimum fax per l’unica presentazione che è stata fatta (e non ce ne saranno altre) del romanzo Hitler. Non si è trattato di una presentazione. Alla libreria minimum fax (in via della Lungaretta 90/e), accompagnato da profondissime letture di Nicola Lagioia e Christian Raimo, che hanno fatto “esplodere” la sezione che fa da perno al libro, cioè Apocalisse con figure, attraverso stacchi musicali mutuati ad hoc da Arvo Part, Lisa Gerrard, Iannis Xenakis, si è inaugurata un’unica lettura dal vivo appartenente al corpo testuale di Hitler: la scena che riporto qui sotto. A introdurre il tutto, la voce del poeta di Paul Celan: una rara registrazione audio del grande autore tedesco che legge uno dei suoi capolavori, Todesfuge (basta cliccare qui per ascoltare il file, mentre in calce alla scena da Hitler riporto la mia traduzione della poesia, che si discosta decisamente dalla versione datane da Giuseppe Bevilacqua).

* * *

Località ignota (Germania), maggio 1943

È qui.
Nessuno sa che è qui.
Adolf Hitler scruta dai finestrini la campagna attorno: terra brulla, cespugli verde marcio, rari. La campagna piatta è deserta. La giornata di maggio è insolitamente fredda, grigia. La nebbia inumidisce i vetri, penetra nell’abitacolo, sa di ozono.
L’autista conosce il percorso e non sa cosa sia la meta. La scorta segue. Nessun contadino in vista.
La recinzione: al blocco di controllo sei membri SS scattano nel saluto marziale, nessuno si attendeva una visita del Führer, all’improvviso, in questo luogo dimesso, segreto.
Ecco i casolari. Li abitano derelitti, consacrati alla causa.
Ciò a cui lui ha a lungo pensato. Ciò che lui ha a lungo desiderato.
Ecco l’enorme hangar centrale, in alluminio. Sembra un magazzino: lo era, è stato confiscato. Alluminio ondulato.
Dai casamenti, dall’hangar, persone in affanno escono, si sistemano i vestiti, finché l’automobile presidenziale non compie un largo giro sulla terra nuda e si va ad affiancare alla schiera che attende, che allarga la bocca davanti al volto pallido, crepato e gonfio del Führer.
La portiera è spalancata, Adolf Hitler esce nel freddo, calza i guanti, dà le spalle al responsabile che si profonde in saluti servili, dice ciò che tutti pensano di dovere dire di fronte all’uomo che la Provvidenza ha inviato, l’uomo che ha dato l’abbrivio alla creazione e alla distruzione.
Hitler è voltato, il suo sguardo assente si perde nella vastità immensa del campo arato, che viene arato per confondere eventuali ricognitori: la terra scura, intrisa di umidità, espira bruma bassa, pesante, grassa.
Hitler si volta. Il responsabile alza il braccio destro, non fa tempo a pronunciare il saluto, Hitler ordina: “Tutti fuori. Desidero vederla da solo. Impiegherò poco tempo”.


Entra nell’hangar immenso.
Le lampade all’interno sovrappongono luce artificiale a quella che penetra da finestre orizzontali e alte, che spaccano l’alluminio.
Questo, squadrato, il pavimento inesistente fatto di terra pressata, è l’utero.
Lei è a una trentina di metri di distanza.
Eccola.
Hitler compie passi controllati, l’acufema gli dà vertigini, lo fa pendere a destra.
È sempre più vicina.
La osserva, svuotato.
È perfettamente sferica, una sfera di metallo, posta su un treppiede massiccio di legno, pronta per essere sperimentata.
È la bomba sporca.
È l’embrione dell’ordigno atomico.
Incombe su Hitler. Si innalza a due metri dal terreno battuto. L’hanno terminata, dunque.
È liscia, riflette distorto il volto del Führer il metallo lucidissimo, non satinato.
La nebbia grava bassa anche all’interno dell’hangar.
Hitler vede il suo volto, vede la sfera. Questo è il pianeta a venire. La sua sorte. Il suo avvenire racchiuso nella forma perfetta che lo stesso pianeta assumerà, una volta che tutto sarà estinto: una sfera che vaga disabitata nel vuoto sidereo, nel gelo perenne, sganciata dal sole, da ogni sistema – la Terra metallizzata.
“Dio mi perdonerà gli ultimi cinque minuti di guerra” sussurra.
Si sfila il guanto destro.
È un piccolo uomo che non si arrampica sulla sfera: si alza sulle punte dei piedi, appoggia il palmo della mano al metallo freddo. Dentro, processi arcani muovono i segreti esplosivi della materia al suo stato primordiale. Dentro quella sfera c’è la potenza dell’universo al suo inizio, quando di espanse, e i suoi scienziati, Heisenberg e Hahn, hanno riprodotto quella potenza iniziale in scala ridotta, l’hanno messa sotto controllo in una sfera che, spezzata, libererà la deflagrazione, la radiazione mortale.
La potenza dell’inizio è compressa nella potenza della fine.

La mano tocca il metallo.
Dentro cova il segreto radiante.
Adolf Hitler si piega, di colpo, sente il ronzio, una vibrazione acustica di fondo, sembra forare il timpano, è stabile e radiante, il ronzio continuo, una radiazione di fondo.
La scimmia umana stacca la mano dall’oggetto potente come una deità.
Il ronzio non degrada.
Hitler torna barcollando sui suoi passi.
Il ronzio è potente.
Esce, gli scienziati applaudono, inneggiano a lui, il responsabile gli parla, ma lui non sente niente, vede le bocche muoversi, le labbra pronunciare parole, e sente solo il ronzio, vede la nebbia piatta sulla terra brulla piatta, il ronzio appiattito e stabile, si infila nella berlina, l’automobile riparte.
Il ronzio non cessa.

* * *

Ascolta Celan leggere Todesfuge

PAUL CELAN
Todesfuge

Schwarze Milch der Frühe wir trinken sie abends
wir trinken sie mittags und morgens wir trinken sie nachts
wir trinken und trinken
wir schaufeln ein Grab in den Lüften da liegt man nicht eng
Ein Mann wohnt im Haus der spielt mit den Schlangen der schreibt
der schreibt wenn es dunkelt nach Deutschland dein goldenes Haar
Margarete
er schreibt es und tritt vor das Haus und es blitzen die Sterne
er pfeift seine Rüden herbei
er pfeift seine Juden hervor läßt schaufeln ein Grab in der Erde
er befiehlt uns spielt auf nun zum Tanz

Schwarze Milch der Frühe wir trinken dich nachts
wir trinken dich morgens und mittags wir trinken dich abends
wir trinken und trinken
Ein Mann wohnt im Haus der spielt mit den Schlangen der schreibt
der schreibt wenn es dunkelt nach Deutschland dein goldenes Haar
Margarete
Dein aschenes Haar Sulamith wir schaufeln ein Grab in den Lüften
da liegt man nicht eng

Er ruft stecht tiefer ins Erdreich ihr einen ihr andern singet und spielt
er greift nach dem Eisen im Gurt er schwingts seine Augen sind blau
stecht tiefer die Spaten ihr einen ihr andern spielt weiter zum Tanz auf

Schwarze Milch der Frühe wir trinken dich nachts
wir trinken dich mittags und morgens wir trinken dich abends
wir trinken und trinken
ein Mann wohnt im Haus dein goldenes Haar Margarete
dein aschenes Haar Sulamith er spielt mit den Schlangen

Er ruft spielt süßer den Tod der Tod ist ein Meister aus Deutschland
er ruft streicht dunkler die Geigen dann steigt ihr als Rauch in die Luft
dann habt ihr ein Grab in den Wolken da liegt man nicht eng

Schwarze Milch der Frühe wir trinken dich nachts
wir trinken dich mittags der Tod ist ein Meister aus Deutschland
wir trinken dich abends und morgens wir trinken und trinken
der Tod ist ein Meister aus Deutschland sein Auge ist blau
er trifft dich mit bleierner Kugel er trifft dich genau
ein Mann wohnt im Haus dein goldenes Haar Margarete
er hetzt seine Rüden auf uns er schenkt uns ein Grab in der Luft
er spielt mit den Schlangen und träumet der Tod ist ein Meister
aus Deutschland

dein goldenes Haar Margarete
dein aschenes Haar Sulamith

Fuga di Morte

Nero latte dell’alba lo beviamo la sera
lo beviamo a mezzodì e al mattino lo beviamo di notte
beviamo e beviamo
scaviamo una tomba nell’aria là non si giace stretti
Nella casa abita un uomo che gioca con i serpenti che scrive
che scrive all’imbrunire in Germania i tuoi capelli d’oro Margarete
lo scrive ed esce dinanzi a casa e brillano le stelle e fischia ai suoi mastini
fischia ai suoi ebrei fa scavare una tomba nella terra
ci comanda ora suonate la danza

Nero latte dell’alba ti beviamo la notte
ti beviamo al mattino e a mezzodì ti beviamo la sera
beviamo e beviamo
Nella casa abita un uomo che gioca con i serpenti che scrive
che scrive all’imbrunire in Germania i tuoi capelli d’oro Margarete
I tuoi capelli di cenere Sulamith scaviamo una tomba nell’aria là non si giace stretti

Lui grida vangate più a fondo il terreno e voi e voi cantate e suonate
impugna il ferro alla cintura lo brandisce i suoi occhi sono azzurri
spingete più a fondo le vanghe voi e voi continuate a suonare la danza

Nero latte dell’alba ti beviamo la notte
ti beviamo a mezzodì e al mattino ti beviamo la sera
beviamo e beviamo
nella casa abita un uomo i tuoi capelli d’oro Margarete
i tuoi capelli di cenere Sulamith lui gioca con i serpenti
Lui grida suonate più dolce la morte la morte è un mastro tedesco
lui grida suonate più cupo i violini e salirete come fumo nell’aria
e avrete una tomba nelle nubi là non si giace stretti

Nero latte dell’alba ti beviamo la notte
ti beviamo a mezzodì la morte è un mastro tedesco
ti beviamo la sera e la mattina e beviamo e beviamo
la morte è un mastro tedesco il suo occhio è azzurro
ti colpisce con palla di piombo ti colpisce preciso
nella casa abita un uomo i tuoi capelli d’oro Margarete
aizza i suoi mastini contro di noi ci regala una tomba nell’aria
gioca con i serpenti e sogna la morte è un mastro tedesco

i tuoi capelli d’oro Margarete
i tuoi capelli di cenere Sulamith