“Un nome della via”: Milo De Angelis

Mi attacco a lui, adesso. Mi attacco più di prima a lui, c’è solo lui, è il solo poeta che abbiamo, che ho. Mi spinge dall’inizio, dove ero già stato.