blog

Futurologia spiccia: cosa sta per accadere al fenomeno umano

Ecco cosa prevedo per il fenomeno umano entro i prossimi sei decenni. Poiché il mondo, ovvero la modalità di starci, è divenuto insintetizzabile, almeno nelle zone a più ampio e profondo sviluppo tecnologico, e poiché ciò si accompagna alla perdita di valore del lavoro, si entrerà in una zona storica senza precedenti, in cui il politico sarà molto giocato sul tema dell’accesso, alle tecnologie che curano e nutrono e pensano. In questa zona storica verrà fatalmente toccato il fenomeno umano dal punto di vista biologico. Il sistema nervoso non è per natura all’altezza di quanto gli si richiede in questi anni accelerati e reagisce con l’affanno, l’abbassamento delle soglie di attenzione e una sensazione diffusa di impotenza. L’ambiente dell’infosfera è prodigo di dati e stimola algoritmi a cui il cervello biologico non arriva. Il crollo dei saperi e dei canoni storici si deve essenzialmente a questa deflagrazione di dati e di inviti all’algoritmo, che è la forma con cui gli umani hanno pensato e stanno pensando un’intelligenza extrabiologica. Tale intelligenza extrabiologica diventerà biologica. Si costituirà un sistema nervoso 2.0, capace di aggiornarsi in continuazione, connesso stabilmente, capace di essere all’altezza della velocità di calcolo richiesta da un itinerario della mente nella macchina e della macchina nella mente. Nanotecnologie e intelligenza artificiale collaborano e corroborano questa ipotesi, rendendola non fantascientifica e facendone una prospettiva storica. Questo fatto sarà il più ragguardevole salto di specie dai tempi del passaggio di sapiens sapiens ed è il motivo per cui, nel passaggio che viviamo, la storia va a zero, quanto a percezione ed esercizio e deposito. La fusione tra organico e inorganico annulla il progresso storico e la percezione collettiva di una marcia a lenta evoluzione dell’umanità. Non so se e quando si provvederà a downloadare la psiche su supporto extracorporeo. Sono dell’avviso che prima o poi accadrà. Io e i miei coetanei costituiamo una delle ultime generazioni a morire precocemente. L’umano muta in questi decenni e ci si può fare poco, anche raccontarlo è cosa vana, anche elaborare un’epica della fine e del nuovo inizio è inutile, essendo già stato fatto. Non viene toccato da tutto questo movimento della specie il nucleo metafisico, che è la verità della realtà e rispetto al quale anche le macchine cerebrali in emersione avranno a che fare, non essendo detto che, prescindendo esse eventualmente dal comparto emotivo, non si mettano a meditare, ritenendo la realizzazione spirituale il momento necessario a chi in questo universo sente, in qualunque modo senta.

Annunci